Translate

BOOKS


ERMANNO CUOGHI - IL MECCANICO DI LAUDA"

8/6/2017 >> Un libro interessante da leggere? E' Ermanno Cuoghi – Il meccanico di Niki Lauda”,  scritto da Federica Ameglio, edito da ASI Service (Libreria Automotoclub Storico Italiano – Torino).  
Il titolo riporta al noto e solido legame del meccanico emiliano con il pilota austriaco nel periodo della militanza ferrarista, un rapporto così forte che, a fine 1977, causò la fine dell’esperienza alla Ferrari per entrambi. Cuoghi, infatti, seguì Lauda alla Brabham dopo mesi di incomprensioni e freddezza vissuti con sofferenza a Maranello alla corte del Drake. 
Ma il libro ripercorre tutta una vita dedicata ai motori con il suo enorme bagaglio di fatti, personaggi, rivelazioni anche inedite, eventi tragici, gioie e successi indimenticabili, dal Campionato Marche alla F1 in una avvincente carrellata sotto forma di domanda-risposta. 

IL LIBRO "FERRARI REX" NEI LUOGHI DEL DRAKE: PRESENTATO PRESSO IL SUO BARBIERE


2/11/2016 >> A due mesi dalla pubblicazione "Ferrari Rex - Biografia di un grande italiano del Novecento" (Giunti - Giorgio Nada Editore), l'ultimo libro dedicato al Drake scritto da Luca Dal Monte, già Direttore della Comunicazione Maserati dal 2005 al 2015 e della Comunicazione di Ferrari e Maserati negli Stati Uniti, aumentano i consensi di critica e di successo nelle vendite tanto che nei prossimi giorni verranno annunciate le prime edizioni internazionali. L’ultima presentazione si è tenuta eccezionalmente presso la famosa bottega di barbiere di Via Canalgrande a Modena dove Enzo Ferrari era solito recarsi ogni mattina, entrando così a far parte della sua storia-leggenda. Padrone di casa è stato Massimo D’Elia, barbiere personale di Enzo Ferrari e nipote di quell’Antonio che iniziò la tradizione tanto cara al Drake nel 1938. “Ferrari Rex”, di oltre 1.100 pagine e corredato da immagini inedite, si apre con il "mistero" della effettiva data di nascita di Ferrari e si chiude con l'ammissione della morte da parte del fido Sergio Scaglietti a funerali avvenuti all'insaputa del mondo.  Si tratta dell'opera della vita alla quale Dal Monte ha dedicato ben cinque anni di accurata scrittura e otto di assidue ricerche condotte su quotidiani e riviste, oltre che su documenti e carte private mai studiate in precedenza. La testimonianza di molti dei personaggi della cerchia più stretta di Enzo Ferrari contribuiscono a rendere pregnante e vivido quest'ultimo ritratto del monarca di Maranello.

IL NUOVO LIBRO DI ALEX ZANARDI!

17/10/2016 >> E’ una storia infinita, quella di Alex Zanardi. Il fresco vincitore alle Paralimpiadi di Rio e di Gara 2 del GT Italiano al Mugello l’aveva raccontata nel primo libro “…però, Zanardi da Castel Maggiore”. Non è bastato, perché la sua vita è talmente intensa che ci sarebbe da iniziare a scrivere già un terzo libro! Intanto è disponibile il nuovo libro: “Volevo solo pedalare…ma sono inciampato in una seconda vita”, scritto sempre in collaborazione col fido Gianluca Gasparini già co-autore della prima fortunata esperienza. Nel libro c’è sempre il Zanardi che ormai conosciamo e che non ci si stanca mai di leggere perché è spontaneo, sincero, umile, ironico, saggio. Dà speranza. Viene fuori, una volta di più, tutta la sua determinazione supportata da granitiche colonne di serenità e di filosofica considerazione del dare e dell’avere che la vita riserva ad ognuno. Si era rimasti agli albori dello Zanardi sportivo e pilota, alla carriera, all’incidente e alla “resurrezione”. Ma è andato avanti, verso altri traguardi, con nuove motivazioni, accettando sfide diverse. Senza patemi e senza limiti. Come illustrato nella presentazioni Rizzoli, sono arrivate le gare handbike dopo averle viste sul tetto di un’automobile in un autogrill, o ancora la massacrante gara di triathlon Ironman, affrontata con successo – dice – “perché la maratona è più pesante per chi ha le gambe!” Insomma, una iniezione di buon umore e una lezione di vita all’alba dei suoi 50 anni.

DICI MONZA E PENSI A RONNIE PETERSON, DUE LIBRI SUL CAMPIONE SVEDESE


1/9/2016 >> Si arriva a Monza e, tra i tanti ricordi, inevitabilmente torna a galla anche l’ultimo, tragico gran premio di Ronnie Peterson. Il forte pilota svedese morì l’11 settembre 1978 a seguito delle gravi ferite alle gambe, e di una conseguente embolia, riportate dopo la carambola tra tante vetture prima della chicane che segue il rettilineo d’arrivo. Finita la sua storia non è mai finita l’ammirazione per questo pilota tanto riservato quanto velocissimo in pista – 10 gp vinti, 14 pole positions - che non riuscì a coronare il sogno di vincere il mondiale ma che è tuttora uno dei miti della Formula 1, capace di rappresentare un faro e uno stimolo per tanti giovani di oggi e connazionali come per esempio Markus Ericsson, attualmente nella massima formula. 
A lui sono dedicati un sito internet, un museo e segnalo due libri (in Italia, Edizioni Mare Verticale). Uno è intitolato “Ricordi di Ronnie Peterson”, scritto da T. Hagg e J. Thedin, ed è una raccolta di preziose testimonianze di colleghi piloti come Emerson Fittipaldi, Mario Andretti, Jackie Stewart ma anche di altri personaggi famosi del mondo della F1 di quegli anni. Il volume biografico contiene fotografie fornite dall'archivio del museo svedese e l’elenco di tutte le sue gare e vittorie. Si può trovare anche il libro dal titolo  “Ronnie Peterson supersweden”, scritto da Alain Henry con la collaborazione dello stesso Ronnie Peterson.

"VITE DI CORSA", ...VISTI DA VICINO. IL LIBRO DI PINO ALLIEVI
19/4/2016 >> La penna di Pino Allievi è tra le più argute e rispettate del Circus della F1 e dell’intero motorsport. Decano dei giornalisti del motore, è sempre in grado di suscitare accesi confronti di opinione nonchè di scavare nel punto giusto per scoprire segreti e artifizi. Perché allora non fare un compendio di tutto questo? Ecco allora, per Giorgio Nada Editore, il libro “Vite di corsa”, sottotitolo: “Incontri in pista con piloti, manager, astronauti, cantanti, gente strana”. Insomma, non solo corse ma soprattutto personaggi di ogni genere che gravitano o passano come meteore attraverso il micro/macro mondo della F1. Una sorta di “Visti da vicino” di andreottiana memoria? Forse, comunque sicuramente molto interessante perché, spiega l’Editore, “Con alcuni di questi l’autore è andato a fondo, con altri meno ma ne ha sempre ricevuto un impatto forte che ha generato personalissime sensazioni e considerazioni”. I grandi protagonisti scelti dall’autore personaggi che l'autore del volume sono: Gianni Agnelli, Giovannino Agnelli, Jean Alesi, Mario Andretti, Flavio Briatore, Mario e Vittorio Cecchi Gori, Pete Conrad, Gian Paolo Dallara, Bernie Ecclestone, Enzo Ferrari, Mauro Forghieri, Lewis Hamilton, George Harrison, James Hunt, Niki Lauda, Joe Macaluso, Diego Armando Maradona, Sergio Marchionne, Carlos Menem, Sandro Munari, Alessandro Onassis, Clay Regazzoni, Cesare Romiti, Ayrton Senna, Sebastian Vettel, Gilles Villeneuve e Jacques Villeneuve. Come dire, di tutto, di più.

L’ULTIMO FERRARI E’ DI ITALO CUCCI

8/3/2016 >> Doppio appuntamento, oggi e domani, a Roma e Bologna, con Enzo Ferrari. Viene presentato infatti l’ultimo libro dedicato al Drake, questa volta scritto dal giornalista Italo Cucci: “Ferrari segreto. Il mito americano”, il titolo (Minerva). Cosa c’è ancora da scoprire su uno degli italiani più celebri al mondo? “Parlo volentieri con lei di tutto, perché non capisce niente di auto”, disse una volta Enzo Ferrari a Italo Cucci, che poté così vivere decine di incontri con il Mito vivente di Maranello. Le recensioni ufficiali parlano di “un ritratto diverso, intimo e segreto” e di “Italo Cucci che racconta un Ingegnere sorridente”, “un Ferrari inedito, come mai l’abbiamo letto e che vale la pena di incontrare”. Il tutto impreziosito da una ricca selezione di foto d’autore opera di Walter Breveglieri.

ROMA 8 MARZO – La presentazione di oggi è in programma presso la sede dell’Automobile Club d’Italia (ACI) a Roma in via Marsala 8 alle ore 18. All’anteprima romana, insieme all’autore del libro, interverrà Angelo Sticchi Damiani, Presidente ACI, mentre moderatore sarà Alessandro Vocalelli, direttore del “Corriere dello Sport-Stadio” e del “Guerin Sportivo”.
BOLOGNA 9 MARZO – Al Grand Hotel Majestic domani Italo Cucci sarà invece affiancato dal figlio del Drake, Piero Ferrari. Dopo la presentazione del libro, gli ospiti potranno seguire il filo conduttore della serata e cenare presso il ristorante “I Carracci” gustando il ricco menu a tema  ideato dall’executive chef Claudio Sordi. “A cena con il Drake”: questo il titolo del percorso gastronomico ispirato alla figura e alle abitudini alimentari di Enzo Ferrari, con piatti che rimandano alla più genuina tradizione emiliana. Dall’uovo alla “Drake”, con scaglie di Parmigiano Reggiano e patate schiacciate, ai tortellini di Modena con brodo di gallina e manzo, per arrivare al bollito di lingua bianca modenese e cotechino con salsa verde e rossa. Gran finale con la torta Barozzi con crema al mascarpone. Il tutto innaffiato dall’immancabile Lambrusco.

Nessun commento:

Posta un commento