Translate

martedì 3 luglio 2018

RICCIARDO, VAI ALLA RENAULT (SE LA FERRARI NON TI VUOLE...)


(3/7/2018) – Mercato piloti: è probabile che questo post su Daniel Ricciardo venga a breve soppiantato dall’arrivo della sua conferma alla Red Bull, ma ora come ora la Renault sarebbe l’approdo migliore per l’estroverso pilota australiano di origini italiane (se la Ferrari non lo vuole...). Perché?


Innanzi tutto, l’aria a Milton Keynes sembra proprio essersi fatta irrespirabile e il rapporto con Helmut Marko vira inesorabilmente verso quello (pessimo) che aveva Webber al tempo delle diatribe con Vettel. Parliamoci chiaro: Max Verstappen è il “cocco” di Marko e Horner ma anche della F1. Smuove masse incredibili di tifosi, alimenta la passione dei giovani (target assoluto di Liberty Media), ha persuaso una grande azienda di bevande a sponsorizzare il Circus. Dunque, untouchable. Ricciardo continua a lamentarsi di presunti favori sempre a favore dell’olandesino - e se lo dice qualcosa ci deve essere - e ora che l’imberbe ha capito che si corre (e si può vincere) restando innanzi tutto in pista e poi facendo valere le sue indubbie qualità e quelle della magica RB di Adrian Newey, per Daniel, che era quello che portava a casa i risultati più eclatanti, la musica è cambiata. In negativo. Pari stipendio con Max? Ok, ma l'australiano che non è più un ragazzino, vuole vincere gare e mondiale. Ne ha i mezzi, deve solo essere lasciato libero di attaccare. Alla Red Bull non è aria.
RICCIARDO COME HAMILTON - A questo punto, meglio guardarsi in fretta attorno e magari fare come fece Hamilton che lasciò senza troppe remore l’ancora competitiva Mc Laren (e il suo mentore Ron Dennis) puntando su una grande Casa come Mercedes allora non ancora dominante che gli ha assicurato altri titoli e  nuova gloria. Scommessa vinta. La Renault potrebbe fare al caso dell’australiano in cerca di considerazione e di traguardi importanti. Lì ci sono i capitali per sostenere il suo ingaggio e le strutture adeguate per arrivare a quello sviluppo vincente, finora per la verità ancora lontano sebbene i francesi siano al momento diventati la quarta forza del campionato. Inoltre sta appena carburando Marcin Budkowsy, il tecnico ex FIA in possesso di tanti segreti, approdato alla Losanga tra tante polemiche della concorrenza. Pare che dalla Francia l’offerta sia partita e che sia seria, facilitata dal fatto che Sainz è tuttora pilota Red Bull prestito e quindi l’avvicendamento sarebbe presto fatto. Esclusa la disponibile ma  in crisi Mc Laren, perché non alla Ferrari, allora? Radio-box parla di Lecelrc sicuro al Cavallino dove sarebbero rimasti contratti dalle richieste economiche troppo esose del pilota di Perth che comunque continua a nicchiare sul suo futuro. Raikkonen è in bilico, pertanto l’accordo potrebbe ancora farsi: quel treno per Maranello passa una volta… Può il siculo-calabrese-australiano Ricciardo perderlo così???

Nessun commento:

Posta un commento