Translate

giovedì 7 giugno 2018

FERNANDO ALONSO: 300, LE MANS E POI GOOD MORNING AMERICA!


(7/6/2018) – Si apre una settimana intensa per Fernando Alonso: domenica in Canada tocca i 300 gran premi disputati e si avvicina al record di Barrichello (323). Nel successivo week end, disputerà la 24 Ore di Le Mans con la fondata possibilità di vincere la leggendaria gara di durata al volante della Toyota. Dalla F1, purtroppo, pare non possa pretendere più di tanto mentre una vittoria in terra di Francia, oltre ad avvicinarlo all’obiettivo della Triple Crown, potrebbe “sconvolgere” il prosieguo della sua lunga e ricca carriera catapultandolo oltre Oceano. Perché? 

PROGETTO INDY - Nei giorni scorsi si è sparsa la voce secondo la quale Fernando, quasi 38 anni, si comporta in modo ormai consapevole del fatto che neanche il cambio di motorizzazione – da Honda a Renault – possa riuscire a risollevare le sorti tecniche della Mc Laren. Ok, “now we can fight”, come esultò in Australia, ma sempre per le posizioni di rincalzo e il paragone con la co-powered Red Bull-Renault che vince e lotta al vertice, inoltre, non lo aiuta a coltivare fiducia. 

Quindi starebbe giocando le ultime carte per rimanere aggrappato alla amata F1, ma solo per vincere. Voci di box danno suoi emissari in contatto con le Scuderie che vanno per la maggiore e con contratti di piloti in scadenza: Mercedes-Bottas, Red Bull- Ricciardo, Ferrari-Raikkonen. Esclusivamente uno di questi tre volanti potrebbe fargli cambiare direzione rispetto ad un pensiero che lo assilla e forse lo turba. Dovesse vincere la prossima 24 Ore di Le Mans, a quel punto gli mancherebbe solo un’ultima grande, agognata medaglia: la 500 Miglia di Indianapolis. E ha capito che per riuscirci – poteva già succedere nel 2017 se l’affidabilità non l‘avesse tradito – non è propedeutico un tentativo "one shoot". Come nel WEC, dovrebbe cioè accordarsi per disputare l’intera stagione e giocarsi la carta Indy500 con maggiore slancio e preparazione. Questa ragionevole prospettiva, naturalmente, non prevederebbe più la partecipazione al campionato mondiale di F1. Triste a dirsi ma Fernando dovrebbe ritirarsi per rincorrere l’obiettivo che lo farebbe sentire, come dichiarò, “un pilota completo”. Altre voci, a questo punto, danno Zack Brown – patron Mc Laren - pronto a buttarsi a testa bassa per assecondare il progetto del suo pupillo. Good morning America!

Nessun commento:

Posta un commento