Translate

venerdì 15 giugno 2018

F1 NOSTALGIA: GONZALES, HUNT, PALETTI

(15/6/2018) – La F1 sta cercando (disperatamente?) di recuperare il fascino perduto: l’aumentata sicurezza di circuiti e monoposto, l’assenza di più piloti carismatici, format a spiccato vantaggio delle televisioni hanno via via snaturato l’essenza della massima formula automobilistica. Per ritrovarla basta far riferimento a tre anniversari che cadono oggi 15 giugno e che riguardano Froilan Gonzales, James Hunt e Riccardo Paletti.

FROILAN GONZALES – Cinque anni fa, il 15 giugno 2013, nella natìa Arrecifes, la morte di “El Cabezon” o “Toro della Pampa” come veniva soprannominato, il pilota argentino classe 1922 che lega indissolubilmente il suo nome ad un evento fondante della F1 e della storia del motorsport. Fu lui, come ben noto, a portare alla prima vittoria una Ferrari sul circuito di Silverstone: era il 14 luglio 1951 e per il Drake, oltre alla intima soddisfazione di aver battuto l’Alfa Romeo, fu l’inizio di un’epopea inarrestabile. Froilan, anche pilota Maserati, fu dunque assoluto protagonista negli anni ruggenti, personaggio a suo modo insieme ai vari Fangio, Farina, Ascari e tanti altri cosiddetti “cavalieri del rischio”. Da non dimenticare la sua affermazione, in coppia con maurice Trintignant, alla 24 Ore di Le Mans del 1954.

JAMES HUNT – Un vero peccato la morte prematura, il 15 giugno 1993, a 45 anni, del campione inglese. Abbandonata la F1 nel corso del campionato 1979, si era dedicato ai commenti TV e…ai suoi amati pappagallini. Resta un’icona della F1 anni ’70 suggellati dalla conquista del titolo mondiale nel 1976, al culmine dell’acerrima sfida con l’amico-nemico Niki Lauda che tanta, decisiva notorietà regalò alla F1. Guascone, irriverente, insofferente alle regole, grande “consumatore” di donne nonché driver aggressivo e sprezzante di tutto ciò che riduceva l’essenzialità del pilota per guidare quei mostri di potenza: questo era Hunt. Al giorno d’oggi, uno come lui non avrebbe alcuna voglia di guidare le attuali monoposto…


RICCARDO PALETTI – Mancavano solo due giorni al suo 24° compleanno ma il terribile incidente alla partenza del Gran Premio del Canada 1982 spezzò la vita di questo pilota italiano tanto giovane e altrettanto promettente che oggi avrebbe compiuto 60 anni essendo nato il 15 giugno 1958 a Milano. Di famiglia benestante, forse arrivò troppo presto alla guida di una F1 ma aveva dimostrato di saper crescere e alla Osella poteva fare profittevole esperienza nonostante la scarsa competitività della monoposto torinese. Ragazzo mite, educato ma anche appassionato e molto determinato non ha avuto tempo di lasciare un segno ma il suo ricordo non sbiadisce e sempre grande è il rammarico per la tragica fatalità dell’incidente che lo coinvolse.

Nessun commento:

Posta un commento