Translate

martedì 3 aprile 2018

ALFA ROMEO DA RECORD AL NURBURGRING, LA MOSTRA



(3/4/2018) – ALFA ROMEO NURBURGRING RECORDS EXHIBITIONS. Fino al 2 maggio, presso il Motor Village Arese, lo showroom del marchio che affianca il Museo Storico Alfa Romeo, è possibile visitare una mostra epica: “Nurburgring Records” relativa ai grandi successi del Biscione sul mitico e terribile circuito tedesco, dai trionfi di Nuvolari e Caracciola fino a quelli di Nicola Larini. Ma non manca l’attualità con l’esposizione di Stelvio che sul circuito del Nordschleife, a settembre scorso, ha fatto segnare il record di velocità (7’51”) per un SUV nonché delle limited edition NRing di Giulia e Stelvio nelle versioni Quadrifoglio (solo 108 esemplari, tanti quanti gli anni della Casa automobilistica) anch’esse titolari di record di categoria sul tortuoso anello. Un viaggio sognante, tra immagini e memorabilia storiche.


Torniamo alla leggenda. Si diceva di Caracciola, vincitore nel 1932 con una Gran Premio Tipo B, e di Tazio Nuvolari, eroico nel 1935, che con la sua P3 annichilì Mercedes e Auto Union. Un posto d’onore lo meritano anche Andrea De Adamich, nel 1966 autore del record sul giro (sotto i 10 minuti) primo a riuscirci al volante di una Turismo da 1570 cc, la Giulia sprint GTA, e Nicola Larini, re del Nurburgring nel DTM 1993 ai danni di BMW e Mercedes. Una lunga tradizione, dunque, dell’Alfa Romeo su una pista iconica in grado di suggellare col suo fascino e il suo probante responso una storia. Una storia arrivata fino ai record della Giulia Quadrifoglio, sia con cambio manuale che automatico, nel 2015 o della 4C nel 2013, fino ai già citati ultimi modelli esclusivi NRing, allestiti con livrea “grigio circuito” e con targhette numerate sulla plancia in fibra di carbonio.

Nessun commento:

Posta un commento