Translate

giovedì 15 febbraio 2018

LA HAAS VF18 COMPLETA LA NUOVA GENERAZIONE DI MONOPOSTO



(14/2/2018)WITH THE HAAS VF18, HERE IS THE NEW GENERATION OF RACING CARS. Con la presentazione a sorpresa della VF18 della Haas (che ha anticipato di un giorno la Williams FW41) e lo shake down di ieri a Magny Cours della nuova F2 Dallara, il quadro delle monoposto di nuova generazione che hanno “rivoluzionato” il loro look e che daranno vita ai vari campionati – vedi anche IndyCar e Formula E 2018/19 - è praticamente completo. Qual è la più bella e interessante?

Haas docet: le F1 dell’era Halo e dell’eliminazione della T-wing si presentano esteticamente accattivanti e i commenti di coloro che le hanno già viste parlano di forme generalmente più “aggressive”, per quanto la struttura di sicurezza destinata a proteggere il capo dei piloti abbia dato più problemi di quanto si potesse pensare ai progettisti. 


Le nuove F2, eredi delle GP2 e spinte da motori V6 turbo da 3,4 litri, si avvicinano molto alle F1e d’altronde questo era l’obiettivo: chi vince quel campionato deve essere pronto a guidare una F1 (molta elettronica,  gestione della Virtual Safety Car, del marshalling-system e del sistema DRS ) sperando che il passaggio alla massima formula sia automatico come sbandierato…


Anche il nuovo filante aero-kit delle IndyCar 2018 è firmato Dallara e, obiettivamente, è molto più gradevole del precedente by Chevrolet o Honda. Ma l’obiettivo è quello di conferire più carico aerodinamico al posteriore e nel contempo assicurare maggiori risparmi in relazione alla sostituzione dei pezzi. Niente male. 
In ultimo, se non altro perché riguarda il prossimo campionato, è stata svelata la prossima Formula E Gen 2, subito ribattezzata bat-mobile per le sue forme avveniristiche. La presentazione ufficiale avverrà al prossimo Salone dell’Auto di Ginevra, il 6 marzo. “Il nostro obiettivo -  ha dichiarato Alejandro Agag - era rompere gli schemi rivoluzionando il motorsport. Questa seconda generazione di monoposto rappresenta quella rivoluzione”. 



Nessun commento:

Posta un commento