Translate

martedì 6 febbraio 2018

FESTIVAL ALFA ROMEO: F1, WTCR, REVIVAL CUP

(6/2/2018) – Sarà un anno molto importante per l’Alfa Romeo che sembra finalmente riscoprire le corse, il motorsport, la F1, per rilanciare il suo glorioso DNA sportivo. Come noto, è concreta la partnership con la Sauber ma si parla anche di una motorizzazione per la Indy Series, molto importante ai fini commerciali in terra americana (chiave di volta, secondo Marchionne, del definitivo rilancio del Biscione). Di recente, il neo boss del DTM, Gherard Berger, ne aveva caldeggiato (senza esito) l’ingresso nella competitiva serie teutonica per rinverdire i fasti delle grandi vittorie di metà anni ’90. Molto è da dimostrare o ancora da programmare ma aver comunque (ri)alzato l’asticella agonistica dona più linfa agli irriducibili e nuova luce agli estimatori Alfa Romeo. Il preparatore Romeo Ferraris è uno di questi e, reduce da due anni di TCR International, ha appena annunciato che due Giulietta, iscritte tramite i suoi Team satellite, saranno al via del mondiale FIA WTCR 2018, prendendo parte a tutti e dieci  gli appuntamenti della nuova serie promossa dalla FIA che prende il posto del WTCC. In pista a partire dal 7-8 aprile, in Marocco!

Nello stesso week end, al Mugello, scenderanno in pista le Alfa Romeo GT e Turismo costruite dal 1947 al 1981 che daranno vita al primo round stagionale dell'Alfa Revival Cup 2018, dal 2012 appuntamento principe riservato alle Alfa e agli “alfisti” desiderosi di sfogarsi in circuito al volante delle mitiche. Le vetture sono divise a seconda del periodo di classificazione, categoria e cilindrata mentre il  regolamento del format di gara prevede una sessione di prove libere di 25 minuti, una  di qualifiche di 30 minuti, alla quale dovranno partecipare entrambi i conduttori nel caso di  equipaggio formato da due piloti, e infine una gara di 60 minuti con partenza lanciata e cambio pilota/pit stop obbligatorio per chi corre solo. L’organizzatore GPS Classic si rivolge a tutti i possessori di vetture Alfa Romeo del periodo di classificazione FIA “E” (costruite tra il 1947 ed il 1961) e tutti i piloti giovani, nati dopo il 1 gennaio 1988, riservando loro una tassa d'iscrizione agevolata per ogni singola gara in programma, fissata a 500 euro.

A questo punto si attende di sapere cosa faranno Gianni e Claudio Giudici!

Nessun commento:

Posta un commento