Translate

giovedì 7 settembre 2017

GRAN PREMIO DI FRANCIA F1, ATTESO RITORNO NEL 2018


(7/9/2017) – Il test di oggi Pirelli – Mercedes al Paul Ricard dà modo di parlare del ritorno del Gran Premio di Francia, che dal 2018 è di nuovo in calendario il 24 giugno e si disputerà sullo storico tracciato di Le Castellet. Il battage promozionale è già iniziato (messaggi del capo FIA Jean Todt, il coinvolgimento francese Grosjean, sito, social attivi, biglietteria da metà novembre) e l’attesa per l’evento cresce. La F1 in terra francese manca dal 1998 (si correva a Magny Cours) ma sul circuito provenzale quei motori non rombano addirittura dal 1990. L’ultima volta vinse Alain Prost che firmò la 100^ vittoria della Ferrari a spese di uno strabiliante Ivan Capelli su Layton House by Adrian Newey. https://motor-chicche.blogspot.com/2015/07/solo-prost-tra-capelli-e-la-vittoria-in.html

GRAND PRIX LE CASTELLET STORY - La prima volta, nel 1971, si affermò invece Stewart su Tyrrell. Poi così: 1973 Peterson (Lotus), 1975 Lauda (Ferrari), 1976 Hunt (Mc Laren), 1978 Andretti (Lotus), 1980 Jones (Williams), 1982 Arnoux e 1983 Prost (Renault), 1985 Piquet (Brabham) https://motor-chicche.blogspot.com/2015/07/in-out-gp-francia-1985-le-pirelli.html
1986 (quell’anno durante un test morì Elio De Angelis) e 1987 Mansell (Williams), 1988 e 1989 Prost (Mc Laren). 
Campioni, grandi monoposto, storia: chissà se la gara del Paul Ricard – in precedenza di correva a Reims, Rouen, Clermont Ferrand, una sola volta a Le Mans (1967) e quindi in maniera alternata a Digione -  conserverà lo stesso fascino di allora. Direttore Generale dell’evento è stato designato Gilles Dufeigneux, Ambasciatore Jean Alesi. Il circuito si trova tra due grandi centri transalpini come Tolone e Marsiglia ed è stato già calcolato che garantirà per la regione un giro di affari di 65 milioni di euro. Ospiterà il Circus in una configurazione da 5,8 km e punte massime di velocità di circa 350 Km/h con una chicane (peccato) a metà del celebre lunghissimo rettilineo del Mistral che però, dicono, garantirà possibilità di sorpasso in staccata (altre curve saranno ridisegnate per la medesima finalità). L’attesa è stata lunga e dopo l’ipotesi cittadina di Parigi (ci teneva Ecclestone ma la Ville Lumiere ha “ripiegato” sulla Formula E) si è finalmente approdati sull’usato sicuro, il Paul Ricard: realtà come Renault e piloti del calibro ora di Esteban Ocon meritano il palcoscenico di casa.

Nessun commento:

Posta un commento