Translate

lunedì 22 maggio 2017

VERSO MONTECARLO / 1. PATRESE, IL DEBUTTO E LA PRIMA VITTORIA

(22/5/2017)ABOUT MONTECARLO, A SPECIAL PLACE FOR PATRESE: FIRST RACE AND FIRST WIN. Entriamo nella settimana del Gran Premio di Monaco 2017, una gara suggestiva (biglietti a ruba) e impossibile che ancora oggi può valere una stagione. Allora cominciamo a immergerci nell’atmosfera di questa prova attraverso i ricorsi storici.
A Montecarlo è molto legato Riccardo Patrese che proprio sulle stradine del principato fece il suo debutto in F1 giusto 40 anni fa, il 22 Maggio 1977. Aveva solo 23 anni ma un curriculum già altisonante: campione del mondo di kart, fresco campione italiano ed europeo di F3. Alla Shadow, con lo sponsor italiano Ambrosio, pensarono a lui per far fronte alla difficile situazione interna. Il team aveva infatti cominciato il campionato con la coppia Pryce – Zorzi ma il tragico Gp del Sudafrica fece precipitare le cose. Jones sostituì subito il povero gallese mentre Patrese, dopo altri due gp, prese il posto Zorzi, ormai inviso alla squadra. Il pilota padovano si comportò benissimo su una macchina, la DN8, che conosceva appena e su un circuito di grande difficoltà: in qualifica fu 15° col tempo di 1.32.92 (Jones non troppo lontano, 11° con 1.32.04) e in gara si classificò nono.

LA PRIMA VITTORIA DI PATRESE– Indimenticabile il debutto, ma ancora più grande la gioia per la prima vittoria in F1 del padovano. Sempre a Montecarlo il 23 maggio 1982 Patrese, questa volta su Brabham-Ford BT49 D, vinse in maniera rocambolesca il suo primo gran premio. Era, tra l’altro, la gara successiva alla tragedia di Villeneuve a Zolder. Le Renault di Arnoux e Prost sembravano poter dominare ma entrambi dovettero ritirarsi per uscite di pista, lasciando a Patrese la leadership a cinque giri dal termine, proprio quando la pioggia si divertì a rimescolare le carte. Riccardo, sull’asfalto viscido, perse il controllo della Brabham al Loews e i commissari lo aiutarono a rimettersi in pista. La discesa, poi, gli consentì di riavviare il motore mentre Pironi, destinato a involarsi al traguardo, vide la sua Ferrari ammutolirsi sotto al Tunnel. Senza benzina De Cesaris e a muro Derek Daly, Patrese si ritrovò di nuovo al comando ma la notizia della vittoria, la prima di un italiano dal 1975 (Brambilla in Austria), la apprese solo una volta sceso dalla monoposto!

Nessun commento:

Posta un commento