Translate

sabato 11 marzo 2017

ADDIO A JOHN SURTEES, CAMPIONE SU DUE E QUATTRO RUOTE

(11/3/2017)SURTEES HAS DIED,  HE WAS CHAMPION ON TWO AND FOUR WHEELS. Con la morte di John Surtees, “Big John”, ieri a Londra all’età di 83 anni compiuti lo scorso 11 febbraio, se ne è andato uno dei 33 campioni del mondo di F1 in 67 edizioni della massima formula. Senza dubbio un grandissimo. Nel 1964 vinse il titolo all’ultima gara in Messico sulla Ferrari 158, la prima monoposto di Maranello monoscocca e con motore 8 cilindri. Il Drake non assaporava il gusto del trionfo dal 1958, vedi Hawthorn, e avrebbe dovuto aspettare altri 11 anni, vedi Lauda. Ma Surtees resterà nella storia per essere stato l’unico a laurearsi campione sia con le quattro ruote che con le due ruote. Tra il 1956 e il 1960, in sella alla MV Agusta, conquistò da autentico mattatore sette titoli, tre nella classe 350 e quattro nella classe 500, grazie a 38 successi complessivi. Un  dominio tale da annoiarlo. La frequentazione di colleghi del volante connazionali come Reg Parnell, Mike Hawthorn e Tony Vandervell lo indusse a provare anche con le auto. Ben presto divenne l’obiettivo di Enzo Ferrari che, come noto, nutriva una profonda simpatia per gli ex centauri. Gli disse “no” una prima volta nel 1963 perché non si sentiva pronto per poi dare dimostrazione della sua classe superiore già nel 1964. Il Drake quasi lo adorava: “Mi piaceva la tecnica, la passione, lo spirito che in parti uguali e senza risparmio profondeva nella battaglia della competizione”. Ma apprezzava moltissimo anche la sua serietà, il modo con il quale si approcciava alle gare, studiandone ogni aspetto e particolare. Il polemico divorzio e il resto della sua carriera l’ho raccontato nel post dedicato al compimento degli 80 anni, nel 2014.
http://motor-chicche.blogspot.it/2014/02/big-john-compie-80-anni-surtees-taglia.html


Surtees a maggio 2016 con Marchionne e Piero Ferrari



Da costruttore, scrupoloso e anche innovativo, per quanto sempre senza adeguati finanziamenti, si impegnò in F1 nel periodo 1970 – 1978. Migliore stagione, il 1972. Tanti i piloti che hanno iniziato  o corso su una sua macchina con alterne fortune, eccoli: Derek Bell, Mike Hailwood,Sam Posey, Brian Redman, Rolf Stommelen, Gijs van Lennep, Tim Schenken, Willie Ferguson, John Love, Andrea De Adamich, Jochen Mass, Carlos Pace, Luis Pereira Bueno, Josè Dholem, JP Jabouille, Leo Kinnunen, Helmut Koinigg, Dieter Quester, Mike Wilds, Dave Morgan, John Watson, Conny Andersson, Divina Galica, Alan Jones, Brett Lunger, Henry Pescarolo,  Noritake Takahara, Hans Binder, Vittrorio Brambilla, Lamberto Leoni, Larry Perkins, Vern Schuppan, Tony Trimmer, Renè Arnoux, Beppe Gabbiani, Gimax, Rupert Keegan.

Nessun commento:

Posta un commento