Translate

lunedì 13 marzo 2017

HAPPY BIRTHDAY / MARCO ANDRETTI 30 ANNI, TRY AGAIN MARCO

(13/3/2017) Oggi Marco Andretti compie 30 anni, happy birthday. Ha sempre avuto un compito arduo e nello stesso tempo stimolante: dimostrarsi degno erede di una delle più blasonate dinastie del motorsport: quella degli Andretti. Essere figlio di Michael e nipote di Mario deve però aver costituito per lui un fardello troppo pesante e pressante. Marco è relativamente fresco di corse: ha esordito infatti nel 2005 in Indy Light – con l’allora Andretti Green Racing – ma bisogna obiettivamente dire che i risultati fin qui conseguiti sono ben al di sotto delle aspettative o per lo meno delle speranze. 
Ha sempre gareggiato nel Team di famiglia e quindi non ha mai dovuto lottare per trovare un volante, ciò nonostante il ranking personale, dal debutto nella Indy Series (2006, 184 gare in totale) consiste in due vittorie (a Sonoma nella prima stagione e in Iowa nel 2011), 5 pole position, 39 volte in Top 5. Due volte terzo alla 500 Miglia di Indianapolis. Troppo poco. L’obiettivo vero, comunque, era di fargli ricalcare le orme di padre e nonno (soprattutto di super Mario campione del mondo 1978 di F1): sbarcare Europa e affermarsi in F1. Anche qui, i tentativi sono stati fatti: nel 2006 e 2007 Marco – aveva appena 20 anni - ha effettuato test con la Honda che però non ebbero sviluppi. Marco, comunque, anche recentemente non ha escluso un suo possibile coinvolgimento nel Circus sempre più americano.
Nel 2008 ha partecipato ad alcune gare dell’American Le Mans Series, 12 Ore di Sebring compresa, e del campionato A1 Grand Prix; nel 2010 ha corso la 24 Ore di Le Mans insieme a Nicolas Prost e Neel Jani per il team Rebellion Racing. Un vecchio sogno mai realizzato di nonno Mario: lui, Michael e Marco alla classica endurance francese per vincere ed entrare nella leggenda. Insomma, molte speranze che non si sono tradotte in risultati per il giovane e simpatico rampollo nato a Nazareth. Quest’anno Marco è regolarmente in gara: ieri nella prima della stagione 2017 a St. Petersburg si è classificato settimo. Vien da dire parafrasando il film di Woody Allen: provaci ancora, Marco. 

Nessun commento:

Posta un commento