Translate

martedì 27 dicembre 2016

LA NUOVA FERRARI POTREBBE CHIAMARSI SF70, ECCO PERCHE’


(27/12/2016)La nuova Ferrari per il campionato 2017 verrà presentata il 24 febbraio: come si chiamerà la monoposto chiamata a far dimenticare un anno fallimentare? Il Presidente Marchionne non ha voluto altre rivoluzioni dopo quella dell’addio a James Allison e ha confermato piena fiducia al Team ingegneristico capitanato da Mattia Binotto: “Se va male prendetevela con me”, ha aggiunto. I nuovi regolamenti daranno vita a vetture dall’aspetto decisamente diverso dalle attuali, come confermato da chi ha già visto i disegni. Pneumatici più larghi, ali più lunghe e basse, aerodinamica speciale: i tecnici sono al lavoro per definire gli ultimi dettagli e dare il via alla realizzazione dell’anti-Mercedes. Dicevo: quale sigla caratterizzerà l’ultima Rossa? Nel 2015, anno dell’avvento di Marchionne alla testa del Cavallino, dopo aver disarcionato Montezemolo, alla tradizionale F seguita da cifre (anno/cilindri/ecc) fu aggiunta la S di Scuderia per arrivare infine a SF15-T, dove T stava per Turbo. Questa monoposto regalò tre vittorie. L’anno scorso, la sigla fu simile: SF16-H, dove H questa volta stava a rimarcare l’Hybrid. Soddisfazioni zero, o quasi. Nel 2017? Facciamo qualche ipotesi. Potrebbe essere un compendio delle due sigle già citate e cioè: SF17-TH o HT. Ma forse qui si avrà voglia di cambiare (anche per evitare italicamente il 17) e allora scommetterei sull’anniversario dei 70 anni di corse Ferrari – debutto nel maggio 1947 a Piacenza - che cade proprio l’anno prossimo. Quindi un SF70 ci sta, magari con l’aggiunta di H o HT, se non proprio A come Anniversary o Y come Years. Non resta che attendere un paio di mesi e l’arcano sarà svelato.
Ferrari J50

L’ULTIMA NATA: FERRARI J50 - Nell’attesa gustiamoci l’ultima opera di Maranello, la Ferrari J50, svelata a Tokyo. E’ una roadster due posti secca con motore posteriore-centrale che segna il ritorno al concetto di tetto asportabile tipo targa, caratteristico di alcune vetture stradali del Cavallino Rampante degli anni ’70 e ’80. Disegnata dal Centro Stile a Maranello, verrà prodotta in soli 10 esemplari, tutti personalizzati secondo le richieste specifiche di ciascun cliente a livello di colori e finiture, nel pieno spirito delle realizzazioni “su misura” della Casa. Realizzata sulla base dell’attuale 488 Spider, la Ferrari J50 è equipaggiata con una versione specifica del V8 da 3,9 litri, vincitore dell’International Engine of the Year Award di quest’anno, con una potenza di 690 cv, visibile attraverso una cover trasparente che fornisce un estensione visiva ai due roll hoop separati che proteggono la testa di guidatore e passeggero.



Nessun commento:

Posta un commento