Translate

lunedì 10 ottobre 2016

VERSTAPPEN, COOL AND DANGEROUS

(10/10/2016) – Il duello che questa volta ha visto coinvolti a Suzuka Max Verstappen e Lewis Hamilton ha scatenato nuove polemiche tra il partito dei “colpevolisti” e quello degli “innocentisti”. L’olandese ha esagerato nel “difendere la posizione”, come ha semplicemente detto lui? Ha fatto correre un rischio? Diciamo subito che il campione del mondo in carica ha troncato la discussione con un tweet: niente da ridire, manovra normale. In Direzione Gara si sono limitati ad un appunto verbale sulla buona condotta. Ma al di là di queste diatribe, va comunque detto che Max ha ormai acquisito una freddezza spaventosa. Così come seppe resistere agli attacchi di Kimi Raikkonen a Barcellona (e ancora più duramente a Budapest e a Spa), in Giappone il pilota della Red Bull non si è fatto minimamente intimorire dal ritorno possente della Mercedes di Hamilton. “Era più veloce di me nelle fasi finali e sapevo che stava prendendomi, sul tabellone vedevo il distacco ridursi ad ogni giro”. Ebbene, va riconosciuto che non si è scomposto e non ha fatto errori. Rischiava il sorpasso sul rettilineo d’arrivo dove d’altronde Hamilton poteva sfruttare il DRS ma è proprio lì che il pupillo di Helmut Markko ha difeso con fermezza il secondo gradino del podio. Esattamente come a Barcellona contro Raikkonen: chicane finale e allungo in ottima accelerazione. Giro dopo giro, senza sbavature, con gli occhi negli specchietti. Ho visto molti piloti più blasonati arrendersi docilmente in situazioni del genere. Hamilton ci ha provato dopo la curva R130 ma ha dovuto scartare repentinamente sulla sinistra e prendere la via di fuga della chicane per non tamponare il giovane avversario.  “L’ho visto arrivare negli specchietti e mi sono difeso, non potevo certo lasciargli la porta aperta”, ha spiegato Max anche se è mancato un soffio che si ripetesse qualcosa di molto simile all’epico scontro tra Prost e Senna nel 1989 (all’Hungaroring Kimi ci rimise una parte di alettone anteriore). Hamilton l’ha presa bene, ma i pretendenti al ruolo di protagonista aumentano…

Nessun commento:

Posta un commento