Translate

lunedì 5 settembre 2016

RICCIARDO CONTRO LA NOIA, A MONZA SORPASSO-SPETTACOLO

(5/9/2016)RICCIARDO AGAINST BOREDOM, WHAT A OVERTAKE! Nella noia generale di un Gp d'Italia già deciso alla fine del primo giro, a Monza ci ha pensato Daniel Ricciardo - spettacolo a dare uno scossone al pubblico appisolato. Il sorpasso del pilota australiano ma di origini italiane ai danni della Williams di Bottas è stato qualcosa che in un attimo ha riconciliato gli appassionati con lo sport che amano e che vorrebbero più vivace e meno radio-guidato dai box. La staccata che Daniel ha tirato alla prima chicane è stata incredibile per coraggio, rapidità di decisione e precisione di effettuazione: sembrava ormai tardi per tentare e invece lui lo ha fatto fidando nelle gomme più fresche ma soprattutto nel suo istinto da rapace, già manifestato ampiamente nella stagione 2014 rivelatrice. Si è divertito anche lui. “E’ stato un sorpasso piacevole: avevo tre ore di macchina da fare per rientrare a casa e non volevo trascorrerle rimpiangendo di non averci provato”. Capito? Si parla tanto delle qualità del giovane compagno Verstappen ma credo che alla Red Bull abbiano capito che non conviene “abbandonare” un simile campione, molto maturo, altrettanto veloce e capace di garantire risultati. Classifica e punti alla mano, è il pilota dietro solo agli inarrivabili Hamilton e Rosberg e davanti al duo Ferrari… e brucia ancora l’incredibile errore del box a Montecarlo che ha privato Ricciardo di una possibilissima vittoria. Opportunità, però, che si ripresenterà a Singapore, circuito più congeniale alla monoposto di Newey, dove nel 2015 l’australiano insidiò fino all’ultimo il primo posto a Sebastian Vettel e dove, pare, la Renault garantirà una sia pur piccola iniezione di cavalli. Toto Wolff l’ha già detto: “a Marina Bay temo la Red Bull”. Certo, il riconfermato Raikkonen è in buona fase ma un Ricciardo alla Ferrari è qualcosa che molti sperano sia stato solo rinviato nel tempo. 

Nessun commento:

Posta un commento