Translate

martedì 22 marzo 2016

TUTTI GLI INCIDENTI DI ALONSO

(22/3/2016)ALONSOALL HIS CRASHES. Fernando Alonso è uscito fortunatamente illeso dal più grave incidente della sua carriera ma l’ex ferrarista ha vissuto almeno altri tre momenti di vera paura nel corso degli ultimi anni. Come è facile immaginare, rivedendo la dinamica di Melbourne, la collisione con lo pneumatico posteriore sinistro della Haas di Gutierrez avrebbe potuto avere effetti davvero gravi e infatti Fernando ha subito capito di essere stato molto, molto fortunato. Con la Mc Laren che roteava impazzita, un angolo di impatto leggermente differente con il muretto che sosteneva la rete di protezione avrebbe comportato conseguenze serie. Per lo spagnolo, solo qualche contusione alle ginocchia e, come ha ammesso, un bello spavento. Come detto, però, non è stato l’unico. 
A parte l’ancora enigmatico incidente durante i test pre-campionato 2015 di Barcellona (ricoverato intontito si parlò di scossa elettrica e dovette saltare il Gp inaugurale della stagione), nel Gran Premio del Brasile del 2003, quando era alla Renault, finì ad altissima velocità (https://www.youtube.com/watch?v=h4BwvnP5JyE ) contro il muro prima del rettilineo di arrivo di Interlagos dopo aver centrato i detriti lasciati in pista dalla Jaguar incidentata di Webber Fernando, redarguito per non aver rallentato, si accasciò sulla pista e venne trasportato immobilizzato in barella all’ospedale per accertamenti. 

Anche lì, tutto bene. Nel 2012, invece, subito dopo la partenza del Gran Premio del Belgio a Spa Alonso, allora pienamente in lizza per il mondiale su Ferrari, vide passare  ad un palmo dalla sua testa la Lotus impazzita di Grosjean, autore di una manovra folle  (https://www.youtube.com/watch?v=IBmSJ0MVfXA) - venne infatti squalificato per il successivo GP - e rimase pesantemente coinvolto nel groviglio di vetture e pezzi volanti che seguì. Un evento che lo scosse molto e che, tra l’altro, ebbe un impatto determinante in senso negativo sul prosieguo del campionato.


Nessun commento:

Posta un commento