Translate

giovedì 10 marzo 2016

HAAS TEAM F1, PROBLEMI E PROSPETTIVE

(10/3/2016)HAAS TEAM AND HIS FIRST GP: PROBLEMS AND TARGETS. Con quali prospettive Haas F1 Team si accinge a partecipare al suo primo Gran Premio di Formula 1, a Melbourne? Per il nuovo team americano powered by Ferrari, le ultime giornate di test a Barcellona, per la verità, sono state davvero tribolate e hanno dato la misura delle difficoltà da affrontare. La VF-16 ha patito grossi problemi con il brake-by-wire e poi con il regolare funzionamento del motore turbo. Patron Gene Haas ha riassunto così il primo impatto in pista: “L’aspetto tecnico è davvero affascinante, una vera sfida per gli ingegneri ma è un modo molto complesso di far correre le auto”. Quelli della Honda sicuramente concordano… Ma in Australia, quando tutti dovranno giocare con le stesse regole, avremo l’esatta scala delle gerarchie 2016. L’ultima fila a un po’ paura a tre team: Manor, Mc Laren e Haas. 
Il Direttore Tecnico Gunter Steiner delinea il target iniziale: “Dobbiamo dimostrare di saper lavorare bene e di meritare il rispetto delle altre squadre e dei tifosi; quindi avere una macchina affidabile e andare a punti. Questo è il nostro obiettivo”. La squadra, è da sottolineare, ha lavorato duramente giorno e notte per risolvere gli intoppi e impacchettare quindi delle monoposto valide per l’esordio del 20 marzo. I due piloti sono usciti un po’ frustrati dall’ultima estenuante sessione di test ma predicano ottimismo e non solo. “Ci vuole pazienza – dice Gutierreze alla fine metteremo a punto la macchina”. E Grosjean, sempre in odore Ferrari e sulla cui esperienza tutto il team punta moltissimo? “Potenzialmente potremmo essere a punti già in Australia per poi progredire, ma è un processo che richiede tempo”. Ma la F1 non concede troppo tempo.

Nessun commento:

Posta un commento