Translate

lunedì 11 gennaio 2016

ADDIO A MARIA TERESA DE FILIPPIS, PRIMA DONNA PILOTA DELLA F1

La De Filippis con Stirling Moss
(11/1/2016)Maria Teresa De Filippis, la prima donna pilota della F1, è morta: avrebbe compiuto 90 anni a novembre. Brillante antesignana delle varie Lella Lombardi, Giovanna Amati ed altre, questa donna esile ma determinata, di nobili origini partenopee, si dedicò professionalmente alle quattro ruote dopo aver “sbeffeggiato” colleghi maschi alla Salerno- Cava de Tirreni e si classificò seconda alla gara di contorno del GP di Napoli del 1956 su Maserati Sport. In F1 – debutto a Montecarlo nel 1958, ma non si qualificò - corse su Maserati 250F ex Fangio privata, con la quale, sulla difficile pista di Spa, sempre nel 1958, colse un encomiabile decimo posto, miglior risultato assoluto conseguito nella massima formula. Altre volte non si qualificò ed altre ancora fu fermata da guasti meccanici ma riuscì a guadagnarsi il rispetto dei più celebrati campioni del volante. Il ritiro nel 1959, dopo la morte di Jean Bhera che le aveva messo a disposizione una Behra-Porsche: giovanissima, voleva affermarsi in quel mondo e non restarne vittima. 
Allora erano altri tempi, si rischiava la vita”, spiegava dove invitata. Era diventata la madrina della rievocazione del Gran Premio di Bari, la gara di regolarità che dal 2010 (dal 2013 ad anni alterni) fa rivivere i fasti della Formula Uno che dal 1947 al 1956 approdò in Puglia con tutti i suoi migliori assi. Alla gara internazionale barese prese parte tre volte. Nel 1952 corse nella categoria fino a 750 cc con la Giaur (Giannini Urania), prodotta da Berardo Taraschi, classificandosi al 6° posto su 50 partecipanti, subito dietro Luigi Musso, anch’egli su Giaur, pilota al quale era legata da profondo sentimento. Nel 1955 partecipò invece con una Maserati A6GCS e si classificò 8^ su 40 contendenti mentre ebbe poca fortuna nel 1956 (ultima edizione della corsa) quando dovette ritirarsi per noie meccaniche.  




Nessun commento:

Posta un commento