Translate

mercoledì 4 novembre 2015

NOSTALGIA MOTORI: STORICO HART


(4/11/2015) Motori: grande problema della F1. Ora la FIA ipotizza l’introduzione di propulsori turbo 2.2 dotati di Kers ma dal costo più accessibile per i piccoli team e tornano alla ribalta fornitori indipendenti storici come la Cosworth o la Illmor. Mi viene da pensare: peccato che non ci sia più la Hart! Tra i non ufficiali, i motori firmati da Brian Hart, scomparso a 77 anni il 5 gennaio 2014, sono stati indubbiamente tra i più brillanti. Sbarcato in F.1 dopo la netta affermazione del 1980 in F2 con la Toleman (piloti Henton e Warwick, progettista Rory Byrne)), l’ingegnere inglese ex pilota riuscì a sfornare un motore capace di inanellare una serie di singoli exploit di tutto rispetto, non potendo certo competere quanto a sviluppo e performances con gli enormi investimenti delle Case ufficiali. Vogliamo ricordarli? 
Indimenticabile la gara di Senna a Montecarlo nel 1984, quando solo la bandiera rossa impedì la clamorosa affermazione della Toleman-Hart (4 cilindri) sotto il diluvio. L’anno dopo, montato sulla Benetton, fu Teo Fabi a regalare una strepitosa quanto inaspettata pole position al Nurburgring. Tornati ai motori aspirati (V10 da 3500 cc), nel 1994 la Jordan-Hart di Rubens Barrichello fu terza al GP del Pacifico ad Aida e di nuovo davanti a tutti in qualifica al GP del Belgio a Spa. Nel 1996 altro eccezionale quanto fortunato podio con il nostro Morbidelli su Footwork al Gran Premio di Australia. Dal 1998 Tom Walkinshaw, nuovo patron della Arrows, lo convinse a fondere in essa la Brian Hart Ltd, affidandogli il compito di preparatore dei motori Yamaha. Un po’ un salto indietro, giacchè l’artigiano Brian iniziò nel 1969 proprio come preparatore di motori Cosworth FVA e Ford BDA in particolare per la F2. Ma i risultati non furono all’altezza delle ambizioni e, anzi, Brian rimase invischiato in diatribe legale per i mancati pagamenti. Amareggiato e deluso pose la parola fine a questa forse irripetibile avventura condivisa anche dalle scuderie Minardi, Force-Haas, RAM, Spirit.

Nessun commento:

Posta un commento