Translate

venerdì 16 ottobre 2015

IL COMPLEANNO DIFFICILE DI KIMI

(16/10/2015) – Domani Kimi Raikkonen compie 36 anni. Nonostante il fresco rinnovo del contratto che lo lega alla Ferrari (è l’ultimo campione del mondo del Cavallino, ricordiamolo!), per il pilota finlandese sarà un compleanno felice insieme al piccolo figlio Robin e alla moglie Minttu ma dubbioso perché si prospettano tempi difficili. La sequela di commenti sul tentato sorpasso a Bottas finito male a Sochi ne sono la prova: “Era in affanno”, “E’ frustrato dalle prestazioni del compagno” “Ha sbagliato come un principiante”, “Non è da Ferrari”, “Guardate Vettel come è superiore”. Purtroppo, la stagione finora si è rivelata meno felice di quella del neo compagno di squadra tedesco, costellata da diversi altri errori (Canada, Silverstone). 
Minttu e Robin Raikkonen
Sembrava finita per Kimi a Maranello, con Maurizio Arrivabene più volte caustico, ma poi è arrivata la conferma. Proprio il Gran Premio di Russia lo ha riportato però sul banco degli osservati speciali, soprattutto perché è già in atto la lotta per il suo sedile alla Ferrari 2017. I guai Red Bull stanno rilanciando l’ipotesi Verstappen marcato stretto dalla Mercedes e anche Ricciardo scalpita mentre Grosjean viene dato per virtualmente opzionato, senza contare i piloti della FDA già in tuta rossa. Tocca a Raikkonen respingere l’assalto e dare prove della classe che fu. Purtroppo, bisogna dire, ha molti opinionisti di peso col pollice verso. David Coulthard lo punzecchia da tempo e prima della nuova conferma già diceva: “Credo sia giunto il tempo di cambiare e questo lo dico non da anti-Kimi ma da persona che ha vissuto questo tipo di fase fase in cui non si migliora più. Dati alla mano, sarà sfortuna o altro, da un paio di stagioni a questa parte, non è più in grado di ripetere le prestazioni del passato”. 
Kimi tocca Bottas a Sochi
Se lo dice lui… Anche l’ex DS Ferrari Cesare Fiorio è da tempo dall’altra parte della barricata: “Già due anni fa, quando la Scuderia ne aveva annunciato l’ingaggio, avevo ritenuto quella scelta errata. I fatti accaduti nelle ultime due stagioni sportive, mio malgrado, mi hanno dato ragione. Infatti il campionato 2014 di Raikkonen è stato pessimo. Quest’anno, pur con qualche gara buona, le sue prestazioni sino ad oggi sono state costellate di errori. Per cui la ritenevo una scelta sbagliata allora e la ritengo ancora più sbagliata oggi”. Non c’è che dire Kimi: fai del tuo meglio o saranno dolori!

Nessun commento:

Posta un commento