Translate

giovedì 10 settembre 2015

MONTEZEMOLO UN ANNO DOPO NON PERDONA IL DUO MARCHIONNE - ELKANN


(10/9/2015) – A giudicare dalle ultime dichiarazioni, ad un anno esatto dall’annuncio delle proprie sofferte dimissioni dalla Presidenza Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo continua...a soffrire. Ieri l'attuale Presidente Alitalia e del Comitato promotore dei giochi olimpici di Roma 2024 è stato primo ospite a Modena, presso la Sala Arcelli, del ciclo di incontri promossi dalla CNA provinciale in occasione dei 70 anni dalla sua costituzione. Quasi inevitabile, per il fresco ex, tornare a parlare della Ferrari soprattutto in vista della sua ormai prossima quotazione, della probabile elezione a sede legale dell’Olanda e dei rumors che danno per possibile la realizzazione di una Ferrari elettrica, da lui sempre avversata. Lo ha fatto con frasi che evidenziano timori e contrarietà rispetto al nuovo corso. “Io mi auguro – ha detto - che la Ferrari continui ad essere legata al territorio. Una grande azienda non può esistere senza il supporto di tanti piccoli e capaci imprenditori e artigiani e, al tempo stesso, questi ultimi sparirebbero senza la grande impresa che commissioni il lavoro”. Giusto un aperitivo, seguito poi dal piatto forte del Luca-pensiero: “Credo che la Ferrari debba mantenere al centro i clienti e i collezionisti e non gli analisti finanziari”. Ricordate? Il week end del Gran Premio d’Italia 2014 segnò la frattura tanto improvvisa quanto insanabile con Sergio Marchionne e John Elkann. http://motor-chicche.blogspot.it/2014/09/montezemolo-finita-unepoca-lascio.htmlL’addio definitivo seguì il 13 ottobre, giorno della quotazione alla Borsa di New York di FCA, non senza parole accorate a strenua difesa dell’italianità e della tradizione dell’amato Cavallino. Ora aspettiamo la risposta, probabilmente al Salone di Francoforte e sicuramente altrettanto piccata, di Marchionne.

Nessun commento:

Posta un commento