Translate

martedì 1 settembre 2015

LUGANO NUOVA CAPITALE DELLA FORMULA E E DELLA GREEN MOBILITY

Da sx, Sindaco di Lugano e Agag
(1/9/2015)Un e-prix di Formula E a Lugano, il 7 maggio 2016: è l’obiettivo della neo-costituita Associazione Swiss ePrix, i cui soci fondatori sono la Città di Lugano, il Team Trulli, la SUPSI Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana e il consigliere nazionale losannese Fathi Derder. Ma l’iniziativa non si esaurisce nel mero intento sportivo. Il progetto, infatti, è ben più ambizioso e mira a fare del Canton Ticino, e della Svizzera, una parte di mondo molto meglio conosciuta e proiettata a livello internazionale grazie alla creazione di una piattaforma di ricerca e di sviluppo di progetti sostenibili ed eco-compatibili nell’ambito della green mobility. Per centrare l’ambizioso obiettivo complessivo dovranno essere raccolti fondi e per sostenere l’interesse vengono garantiti: l’impegno a promuovere e sostenere la ricerca e lo sviluppo di iniziative pubbliche e private nell’ambito della green mobility; la collaborazione con il settore accademico e scientifico per i progetti incentrati sulle energie green e orientati al miglioramento della qualità di vita; la promozione di eventi e progetti sostenibili nel settore delle energie green quale fattore di attrazione e posizionamento della Città di Lugano. L’ex F1 Jarno Trulli, 41 anni, che in Svizzera è di casa e che nella Formula E sta investendo, ci crede: “Affrontare una sfida globale come quella di poter organizzare il primo ePrix di Formula E della storia del motorsport svizzero deve essere per la Città di Lugano motivo di orgoglio e di profonda soddisfazione”. Come noto, le gare automobilistiche in territorio svizzero sono bandite dal 1955, anno della tragedia alla 24 Ore di Le Mans. Veto che potrà essere superato  grazie all’entrata in vigore della modifica dell'ordinanza di applicazione della Legge federale sulla circolazione stradale che prevede l’introduzione di un’eccezione per permettere le gare di velocità con veicoli elettrici. A questo punto tutto sta nella valutazione della bontà della proposta. A fine agosto, Alberto Longo, Managing Director e fondatore con Alejandro Agag della Formula E, è stato a Lugano insieme al team tecnico per effettuare sopralluoghi e verifiche sul tracciato previsto. Una Lettera d’Intenti già firmata a Londra stabilisce che dovrà essere la FIA a dare l’ok definitivo e la a decisione è attesa per metà settembre. Se tutto andasse bene, c’è da aggiungere, si tratterebbe della terza gara automobilistica internazionale a un tiro di schioppo dai confini italici, dopo i gran premi di F1 a Montecarlo e a Spielberg!

Nessun commento:

Posta un commento