Translate

martedì 29 settembre 2015

LOEB VUOLE VINCERE ANCHE LA DAKAR!

Il "dream team" Peugeot per la Dakar 2016
(29/9/2015) - Sébastien Loeb parteciperà alla Dakar. Il nove volte campione mondiale rally farà parte del ”dream team” Peugeot, insieme a Carlos Sainz, Stéphane Peterhansel e Cyril Despres, che dal 3 al 16 gennaio 2016 partirà alla conquista della maratona tra Argentina e Bolivia. Re dei rally, impegnatissimo nel WTCC con la Citroen, verrebbe da dire: ma chi gliela fa fare? Il gusto della sfida. La passione per i motori. Le stesse che lo portarono ad affrontare con successo la Pikes Peak due anni fa, quando effettuò la mitica e durissima salita del Colorado abbattendo ogni record (http://motor-chicche.blogspot.it/2013/07/loeb-la-dove-osano-le-aquile-vince.html), roba che rimarrà leggendaria. “La Dakar – dice  - è completamente diversa dalle competizioni che sto facendo in questo momento. Sarà una gara molto lunga, più di due settimane, ed è necessario avere molta resistenza, sia il conducente che la macchina”. 
Da super professionista qual è, Loeb parteciperà dal 3 al 9 ottobre prossimi al Rally Raid del Marocco, un’occasione per imparare. E lui lo sa fare velocemente. Sainz guiderà l'ultima Peugeot 2008DKR16 mentre Loeb, navigato da Daniel Elena, sarà al volante di una vettura 2015 specifica. “Rispetto ai rallies, qui si va avanti sempre diritto e poi ero abituato ad avere note molto dettagliate mentre ora dovrò improvvisare”. Aveva provato la 2008DKR16 a giugno e lì era scoccata la scintilla decisiva: “E’ stato subito molto impressionante per me e, naturalmente, è cambiato molto da allora”. Bruno Famin,  Direttore Peugeot Sport, non sta nella pelle: "Sebastien è stato impressionante dal primo momento in cui si è seduto in macchina. Ha avuto il solito approccio misurato poi le sue capacità naturali hanno fatto il resto. Dopo aver migliorato la vettura in diverse aree da quando siamo andati alla Dakar, Loeb è il pezzo finale del puzzle". Ok, ora via alla nuova avventura.

Nessun commento:

Posta un commento