Translate

giovedì 21 maggio 2015

INDIANAPOLIS 99, DIXON IN POLE. Dieci anni fa l'exploit di Danica Patrick


(21/5/2015)Domenica 24 maggio si corre la 99^ edizione della 500 Miglia di Indianapolis. C’è un po’ di apprensione dopo la serie di impressionanti incidenti durante le prove che hanno coinvolto Castroneves, Newgarden, Ed Carpenter e infine Hinchcliffe che si è rivelato anche il più grave (non correrà per le ferite riportate ad una gamba). Macchine a muro con violenza e poi capottamenti da paura. Speriamo che il copione non si ripeta in gara (partenza ore 12.00 A.M.). Già, ma chi vincerà? 
Scott Dixon, il pole man 2015
La pole è stata siglata da Scott Dixon (Chip Ganassi Racing), già winner nel 2008, a 226.760 Mph di media, che in prima fila con lui vedrà schierarsi Will Power e Simon Pagenaud (Team Penske). Il driver neozelandese aspira ad un nuovo successo dopo quello nella 24 Ore di Daytona, a gennaio. In seconda, Kanaan, Castroneves e Wilson; in  terza Bourdais, Marco Andretti (primo motorizzato Honda) e Newgarden. Solo in quinta fila il leader della classifica, Juan Pablo Montoya e in sesta il vincitore 2014, Ryan Hunter-Reay. Ma, come sempre, Indy è tattica e resistenza,  neutralizzazioni e sorprese, quindi tutto può succedere. 
Danica Patrick in testa nel 2005
Viene da pensare al vero e proprio exploit di Danica Patrick che proprio dieci anni fa, nel 2005, condusse per 14 giri la gara, prima e unica donna a riuscirci. La pilota del Wilconsin aveva 23 anni, si qualificò quarta e alla fine si classificò quarta. Correva su una Panoz-Honda della Rahal-Letterman Racing e grazie ad un rifornimento ritardato rispetto agli altri mandò in delirio la folla. Mancò poco al colpaccio ma il fantastico e compianto Dan Wheldon fece meglio e alla fine vinse. Quest’anno in una niente male settima fila c’è una sua emula, la svizzera Simona De Silvestro. 

Nessun commento:

Posta un commento