Translate

mercoledì 1 aprile 2015

CHRIS DYER TORNA A MARANELLO

(1/4/2015) – Una vecchia conoscenza dei ferraristi torna sui suoi passi… L’ingegnere australiano Chris Dyer, oggi 47 anni, lega ancora una volta il suo nome alla fatal Maranello. Nel link WHEN & WHERE riporto la notizia (vedi) della inaugurazione della MotorSport Academy di ManpowerGroup, il primo polo formativo italiano dedicato esclusivamente a tutti coloro che sognano di lavorare nel mondo dei motori. Ebbene, del corpo docente dei Corsi di Alta Formazione fa parte anche Dyer giubilato dalla GES di Maranello a seguito del mancato titolo mondiale 2010. Cosa successe? Fernando Alonso, al primo anno in rosso, giunse all’ultimo appuntamento stagionale ad d Abu Dhabi con i favori del pronostico sebbene matematicamente insidiato dal duo Red Bull Webber – Vettel. Al muretto Ferrari, si decise di fare la corsa sull’australiano anticipando così il pit stop dello spagnolo con il risultato di farlo ritrovare davanti ad un insuperabile Petrov su Renault, consumare prima le gomme e far involare verso il successo e il titolo Sebastian Vettel. Bene inteso: considerazioni fatte col senno di poi… Dyer non potette sopportare la pressione psicologica della paternità dell’errore e l’anno dopo lasciò l’incarico e la Ferrari dove era stato ingegnere di pista dei successi di Michael Schumacher e, al suo ritiro, di Kimi Raikkonen e infine responsabile di tutte le attività di ingegneria in pista. Successivamente ha intrapreso  un percorso formativo extra motorsport completando un MBA presso IE Business School a Madrid per poi tornare con la Bmw nel DTM in qualità di  "Chief Engineer", vincendo il campionato costruttori nel 2013 e il campionato piloti con Marco Wittman l’anno scorso.

Nessun commento:

Posta un commento