Translate

lunedì 13 aprile 2015

ANNIVERSARY / 13 APRILE 1980. HOTTINGER, LA MORTE DELL’EREDE DI LAUDA

(13/4/1980) – Colpito alla testa da uno pneumatico volante staccatosi da un’altra monoposto in bagarre. In un incidente così, 35 anni fa, morì Markus Hottinger alla prima curva del circuito di Hockenheim durante la gara di campionato europeo di Formula 2. Austriaco, aveva solo 23 anni – era nato il 28 maggio del 1956 – ed era considerato un più che promettente talento: un possibile erede di Niki Lauda che l’anno prima si era ritirato dalla Formula 1. Purtroppo Markus fu davvero sfortunato in quella dinamica impazzita e a nulla valsero i primi soccorsi in pista e il trasporto in elicottero all’ospedale. I primi chilometri in pista li aveva macinati nel 1976 con vetture Turismo e nel 1979 si impose all’attenzione degli addetti ai lavori per il debutto da protagonista nella formula cadetta su March della Bob Salisbury Racing e, contemporaneamente, i positivi risultati nel campionato Procar su Bmw M1. 

Nel 1980 la scuderia tedesca Mampe gli affidò il volante della Maurer MM 80 motorizzata Bmw ma il tragico destino impedì  lo svilupparsi di una brillante carriera. Nel 1974, l’Austria aveva dovuto piangere la scomparsa di un altro talento come Helmut Koinigg, rimasto ucciso in un incidente a Watkins Glen. Dopo Hottinger, giovane portabandiera austriaco nell’automobilismo divenne Berger (e nel 1982 ci fu il grande ritorno di Lauda). 


Nessun commento:

Posta un commento