Translate

venerdì 27 marzo 2015

HAPPY BIRTHDAY / GREGOR FOITEK 50 ANNI, LO SVIZZERO DA F1

(27/3/2015)Gregor Foitek compie oggi 50 anni. Buon compleanno al pilota svizzero, ha militato in Formula 1 per due anni, tra il 1989 e il 1990, senza grossi risultati. Una carriera tra divieti e idoli, quella di Gregor. Ecco perché. Nacque dieci anni dopo il divieto assoluto della Svizzera di organizzare gare automobilistiche sul proprio territorio, decisione assunta dopo lo spaventoso incidente di Le Mans che falcidiò decine di spettatori. Quando era ragazzino, c’era il ticinese Regazzoni alla Ferrari che accendeva la passione dei connazionali e che sfiorò addirittura il titolo nel 1974. Quando cominciò a correre era invece l’altro svizzero, Marc Surer, a tenere alto il vessillo racing del Paese, anche se si ritirò da lì a poco nel 1986. In più aveva lo stimolo e l’esempio di papà Karl che aveva corso a buon livello e dopo aveva aperto una concessionaria Alfa Romeo, Jaguar, Lamborghini, Maserati e Ferrari. 
L’esordio fu promettente: Gregor vinse il campionato di F3 svizzero nel 1986 e successivamente, nel 1988, vinse anche una gara di F.3000 (categoria nella quale fu coinvolto nel terrificante incidente di Herbert a Brands Hatch). C’era qualcosa di svizzero anche all’esordio in F1 con la EuroBrun, team frutto della partnership tra Walter Brun e l’italiano Pavanello. Come detto, i risultati però non arrivarono, nemmeno con i team che seguirono: Rial, Brabham e infine, nel 1990, Onyx. Quest’ultima fu partecipata al 25% dal padre che pensò bene di ritirare i finanziamenti per la scarsa competitività. 
Gregor oggi
Si ritirò anche Gregor, dedicandosi alle ruote coperte: 24 Ore di Le Mans e Sport Prototipi con appendice finale nella F. Cart nel team Foyt. Preferì però non correre alla 500 Miglia di Indianapolis: troppo rischiosa. Oggi, insieme ai fratelli Reto e Frank, prosegue l’attività paterna con una concessionaria ad Altendorf.

Nessun commento:

Posta un commento