Translate

giovedì 26 marzo 2015

ASPETTANDO RALPH DE PALMA

(26/3/2015) Il 31 maggio del 1915 – arriva dunque il Centenario - il pilota Ralph De Palma vinse la 500 Miglia di Indianapolis, primo e tuttora unico italiano a conquistare la leggendaria corsa. A poco più di due mesi dalla ricorrenza, a Biccari, in provincia di Foggia, fervono i preparativi per celebrare degnamente l’impresa di uno dei suoi figli più illustri. Motor Chicche si è già occupato della storia di questo personaggio (http://motor-chicche.blogspot.it/2013/06/ralph-de-palma-il-pilota-di-biccari.html) che, emigrato bambino dalla Capitanata oltre Oceano con tutta la famiglia, scoprì la sua straordinaria inclinazione per la velocità, centrando successi e record d’eccezione. Affidandosi al suo talento e al suo infinito coraggio, “il foggiano volante” divenne vero e proprio idolo degli appassionati americani e non, oltre che simbolo degli italiani capaci di emergere e diventare vincenti. Come detto, una simile avventura umana e sportiva non poteva non meritare il tributo della sua terra natìa e di chi lo ha, diciamo così, riscoperto. Già da tempo il Comitato Promotore, nato da un'idea di Mauro De Tullio, e il Comune di Biccari hanno avviato e realizzato diverse iniziative a suo ricordo come per esempio la mostra dedicata itinerante, un busto e un'opera pittorica, il concorso riservato agli studenti delle scuole superiori della provincia e dell'Accademia di Belle Arti, un libro di Maurizio De Tullio sulla sua storia. 

In occasione del Centenario sono ora in programma altre celebrazioni, anche se forzatamente posticipate a giugno per la concomitanza, il 31 maggio prossimo, con l’importante election day. Il clou sabato 20 giugno quando, insieme al Centro studi Diomede Associazione Onlus di Castelluccio dei Sauri, si terrà.....


un convegno incentrato sulla duplice valenza del percorso umano di Ralph De Palma: si parlerà dell’aspetto sportivo ma anche di quello sociale perché questa storia così intensa prende vita a partire da un evento traumatico ed epocale per un nucleo famigliare: l’ emigrazione verso un altro Continente per sfuggire alla povertà. Si attendono ospiti illustri: tra questi viene annunciata la presenza di Annalisa Minetti, la sportiva e cantante che ha saputo brillantemente superare i suoi problemi, e si sta inoltre cercando di coinvolgere un famoso pilota (trattative segrete in corso!). Mauro De Tullio precisa comunque che la data di maggio non passerà indenne: il componente del Comitato, Antonio D’Apote, che lavora a Chicago, deporrà infatti una corona sulla tomba di Ralph De Palma che riposa all'Holy Cementery di Culver City, vicino Los Angeles. Sarà l’occasione per sviluppare un rapporto che va oltre le imprese del concittadino: un banchetto promozionale dei prodotti gastronomici tipici dei Monti Dauni suggellerà infatti l’avvìo di un percorso comune con la Camera di Commercio Italo-Americana a Chicago, ma è in agenda anche il gemellaggio di Biccari con la città di Indianapolis e ci sono contatti con il NIASHF (National Italian American Sports) nella cui Automotive Hall of Fame figura proprio De Palma. Insomma, cento anni dopo, grazie anche a chi non dimentica, il romanzo della vita di Ralph De Palma si arricchisce di nuovi e fecondi capitoli di amicizia tra i popoli.

Nessun commento:

Posta un commento