Translate

venerdì 16 gennaio 2015

HAPPY BIRTHDAY / AJ FOYT 80 ANNI, PIU' CHE MAI QUESTIONE DI CUORE

(16/1/2015) – Tanti auguri di buon compleanno a Anthony Joseph Foyt, A.J. Foyt per tutti. Compie oggi 80 anni questo roccioso, robusto e per qualcuno burbero pilota americano, texano di Houston, sposato con Lucy, che è l’unico ad aver vinto la 500 Miglia di Indianapolis (per quattro volte, nel 1961, 1964, 1967 e 1977), la 24 Ore di Le Mans (nel 1967 su Ford MK IV in coppia con il connazionale Dan Gurney) e la Daytona 500. Oltre a innumerevoli campionati di quella che ora è la IndyCar. Un autentico pioniere dell’automobilismo ruggente. Gli è mancata la Formula 1, ma A.J. Foyt ha sempre prediletto the american way of life. 
Gurney-Foyt vincitori a Le Mans 1967
Ricordo una frase molto esemplificativa della sua visione genuina dell’essere pilota: “L’automobilismo è uno degli sport più veri: quando sei al box tutta la squadra lavora per te, ma poi in pista sei solo e tutto dipende da te”. Si capisce che è una considerazione di molti anni fa. Oggi i piloti fanno molta meno fatica in macchina e vengono sostanzialmente teleguidati dai box. Qualcuno debutta a 17 anni in F.1… Ok, altri tempi. A.J. Foyt oggi cerca di guidare il suo cuore ballerino. Lo scorso mese di novembre è stato sottoposto ad un intervento chirurgico di triplo bypass nella sua Houston e dimesso il 2 dicembre, ma una settimana dopo è stato nuovamente ricoverato per complicanze post-operatorie e gli è stato detto di prendersela calma. 
 

Lui freme, c’è un campionato IndyCar alle porte (Takuma Sato e Jack Hawckworth i suoi piloti 2015) e per ora è in stretto contatto con il figlio più giovane Larry. “Questa cosa mi ha preso di sorpresa ma non vedo l’ora di essere con i ragazzi”. Buon compleanno e buon 2015!
Winner a Indy 

AJFoyt Racing




Nessun commento:

Posta un commento