Translate

mercoledì 26 novembre 2014

IL NATALE ANTICIPATO DI MARCIELLO

(26/11/2014) – Almeno per Raffaele Marciello, l’avvento di Sergio Marchionne è stato…inclusivo. Nella generale ondata di uscite da Maranello, il giovane pilota della Driver Academy ha invece imboccato una porta di entrata ed è diventato lui, negli ultimi appuntamenti della stagione, il terzo pilota della Scuderia, scalzando di fatto Pedro De la Rosa. Fine dell’era spagnola. Oggi Marciello ha avvicendato Raikkonen nei test di Abu Dhabi e per lui il Natale è arrivato anticipato: “Oggi è stato come un sogno che si avvera. Per un pilota italiano salire a bordo di una Ferrari, per di più in un test ufficiale, è un emozione davvero forte, e sono grato alla squadra per avermi dato questa opportunità. Si sente molto la differenza rispetto a una vettura di GP2, soprattutto per quello che riguarda la potenza del motore e la forza frenante. Trattandosi della mia prima volta al volante di una F14 T ho dovuto progressivamente adattare lo stile di guida, ma in generale mi sono trovato bene e spero di aver aiutato la squadra a raccogliere dati importanti. E’ stato impossibile non pensare Jules, io e lui siamo entrati insieme nella Ferrari Driver Academy, e se io sono qui oggi è anche perché lui non c’è. Da Jules ho imparato a spingere sempre al massimo e qui ho provato a farlo anche per lui”. Effettivamente, “Lello” si è trovato subito a suo agio con la squadra e con la vettura, offrendo, così dicono da Maranello, “riscontri precisi sull’intero programma, che oggi ha previsto misurazioni aerodinamiche e prove d’assetto, effettuate sulla base dei dati raccolti durante la prima giornata”. Che dire: se son rose fioriranno. Vedremo se il nuovo corso ferrarista sarà talmente nuovo da prevedere una chance concreta finalmente per un italiano, dopo le presenze estemporanee di Capelli, Larini, Morbidelli, Badoer e Fisichella. Per la cronaca, nell’arco della due giorni di test la F14 T ha completato un totale di 172 tornate, pari a 955 km. Prossimi test, solo a febbraio, dall’1 al 4, a Jerez. 

Nessun commento:

Posta un commento