Translate

lunedì 24 novembre 2014

ARRIVABENE. SPERIAMO NON VADA MALE...

Arrivabene (primo da sx) alla presentazione della F2011th Italia
(24/11/2014) – Dopo due giorni di smentite, la Ferrari ha comunicato oggi quanto ormai risaputo: Maurizio Arrivabene è stato nominato direttore generale della Gestione Sportiva e Team Principal della Scuderia in sostituzione di Marco Mattiacci. Il manager romano, dunque, non mangerà il panettone a Maranello: per lui solo pochi e insidiosi mesi al muretto della Rossa dopo il siluramento – cosa che sta prendendo piede al Cavallino – di Stefano Domenicali. Si dice “paghi” il fatto di essere di nomina montezemoliana. Sentiamo Marchionne: "Abbiamo deciso di nominare Maurizio Arrivabene perché in questo momento storico della Scuderia e della F1 abbiamo bisogno di una persona che conosca a fondo non solo la Ferrari ma anche i meccanismi di governance e i bisogni di questo sport. Maurizio ha un patrimonio di conoscenze unico perché da anni è stato veramente vicino alla Scuderia e, come membro della F1 Commission, ha ben chiaro le sfide che ci attendono. È stato una fonte costante di idee innovative volte al rinnovamento della Formula Uno. Estremamente importante è l’esperienza manageriale che ha maturato fino ad oggi in un mercato complesso e fortemente normato, un’esperienza che lo aiuterà a gestire e motivare la squadra. Sono felice di aver acquisito la sua leadership per le nostre attività sportive”.
CHI E' MAURIZIO ARRIVABENE
Maurizio Arrivabene proviene da Philip Morris dove è entrato nel 1997 dopo una carriera ventennale in Italia e all’estero dedicata al marketing ed alle attività promozionali. Nella multinazionale svizzera ha ricoperto diversi incarichi con crescenti responsabilità fino a diventare nel 2007....



Vice President of Marlboro Global Communication & Promotions for Philip Morris International e nel 2011 Vice President Consumer Channel Strategy and Event Marketing. Dal 2012 è membro indipendente del board della Juventus FC SpA. Dal 2011 al 2012 è stato membro della Sport Business Academy (SDA Bocconi School of Management e RCS Sport), nel Program Advisory Team. Durante i suoi anni in Philip Morris– specificano da Maranello - ha sempre seguito in prima persona la partnership con la Ferrari sia a Maranello sia sui circuiti nel mondo. Dal 2010 è inoltre membro della F1 Commission in rappresentanza di tutte le aziende sponsor della Formula 1.
ADDIO MATTIACCI E A YAS MARINA IN PISTA KIMI E MARCIELLO
Per Mattiacci, poche righe di formale commiato: “Vogliamo anche ringraziare Marco Mattiacci per il suo contributo alla Ferrari negli ultimi 15 anni e gli auguriamo il meglio per le sue sfide future”. Di sicuro non era questo l’epilogo che si attendeva della sua avventura sportiva, ma alla Ferrari è ora di cambiamenti anche pesanti, si può solo sperare fruttuosi. Da domani, sul tracciato di Yas Marina, si pensa solo al 2015 prima con Kimi Raikkonen e  mercoledì con Raffaele Marciello, primo italiano al volante di una Ferrari in una sessione di test ufficiali dopo l’esperienza di Davide Rigon nelle prove di Silverstone dell’estate 2013. Che si persegua con decisione anche in questo senso, allora.

Nessun commento:

Posta un commento