Translate

martedì 14 ottobre 2014

PORSCHE INVESTE NEL NARDO' TECHNICAL CENTER


(14/10/2014) Porsche rilancia nel Sud Italia, dove dal 2012 è proprietaria del Nardò Technical Center (Puglia, in provincia di Lecce), uno dei più importanti centri prove del mondo, noto in particolare per il suo anello di alta velocità lungo 12,5 km con un raggio di 4 Km. Il direttore generale di Porsche Engineering, Malte Radmann, ha annunciato nuovi investimenti per 60 milioni in base al Protocollo d’Intesa firmato con la Regione Puglia: oltre al consolidamento delle strutture esistenti, è prevista infatti la costruzione di due nuove piste, l'allestimento di un centro di sicurezza e uno medico, di una postazione dei vigili del fuoco e di un eliporto. Il tutto dovrebbe assicurare +30% di occupazione – oggi i dipendenti sono 110 – ed è un’ottima notizia. Tempo di realizzazione: entro la metà del 2015. Il Centro Prove di Nardò, datato 1975, era di proprietà della Fiat. 
Nel 1977 Niki Lauda effettuò proprio lì dei test con la Ferrari T2 dotata di pneumatici posteriori gemellati, un’idea che comunque non ebbe seguito. Le caratteristiche del circuito – anello circolare inclinato a 4 corsie e 16 mt di larghezza in grado di compensare una forza centrifuga da velocità fino a 240Km/h – sono tali da consentire test e studi di grande rilevanza. Nel 1999 l’impianto fu ceduto alla Prototipi SpA per poi essere acquisita dalla Casa di Stoccarda che, oltre per i propri modelli, lo mette a disposizione di numerose Case clienti unitamente ad un servizio di consulenza tecnica. La struttura, col tempo, si è ampliata e oggi offre un circuito di handling di 6,2 chilometri con tratti che riproducono le curve di alcuni dei più noti circuiti del mondo, circa 40 km di percorsi off-road, centri prova per le omologazioni, 16mila metri quadri di officine e percorsi per la verifica della rumorosità. (vedi anche link JOB - see link JOB too)

Nessun commento:

Posta un commento