Translate

venerdì 5 settembre 2014

MASERATI, DIECI ANNI FA IL RITORNO ALLE CORSE


(5/9/2014) – Tra pochi giorni (18-20 settembre) avranno inizio celebrazioni per i Cento anni della Maserati ma oggi è l’anniversario di un’altra grande ricorrenza del Tridente. Esattamente dieci anni fa, nel 2004, la Maserati tornava alle competizioni, ovvero alle proprie origini, dopo un quarto di secolo di assenza. Io c’ero. Sul circuito di Imola, due MC 12 schierate dal Team AF Corse erano ufficialmente in lizza nella prova italiana del Fia GT. Alla guida gli equipaggi Bertolini – Salo (MC 12 n° 33) e Herbert – De Simone (MC 12 n° 34). Giornate caldissime – nell’abitacolo, mi disse Bertolini, si raggiungevano anche i 70° - ma cariche di positiva tensione perché si trattava di un momento storico. 
Il dado era tratto e la leggenda Maserati – vincitrice in F1 e a Indy - tornava finalmente in pista. E che presenze per un simile evento: c’erano Luca Cordero di Montezemolo, il simpaticissimo AD Martin Leach, il responsabile Maserati Corse Claudio Berro, il Direttore tecnico Giorgio Ascanelli. Si videro, tra gli altri, anche l’ingegner Dallara, Giancarlo Minardi, l’ex ingegnere di macchina di Michael Schumacher, Ignazio Lunetta, Antonio Ghini, i piloti Pierluigi Martini e Tonio Liuzzi. La MC 12, presentata quell’anno a marzo al Salone di Ginevra e il 30 agosto (omologata in 25 esemplari) a Modena, era bellissima e si rivelò molto guidabile e ben bilanciata. Indimenticabile il suo color Blu Anniversary e sul cofano il logo della Casa e la bandiera italiana. 
Da sx: De Simone-Salo-Bertolini-Herbert-Leach
In prova, le due GT si qualificarono ottava (Bertolini-Salo) e 12° (Herbert-De Simone) ma si era lavorato in ottica gara, della durata di tre ore. Infatti, la domenica il successo pieno fu già sfiorato: seconda e terza all’esordio, battuti solo dalla Saleen S7 di Bartels – Alzen. Tempo due settimane e sarebbe già arrivata la prima vittoria, per non dire dei successivi titoli mondiali con Bertolini suo stratosferico alfiere.

Nessun commento:

Posta un commento