Translate

lunedì 5 maggio 2014

MAMMA E PAPA' RATZENBERGER: "GRAZIE A TUTTI E GRAZIE A SENNA"

Rudolf Ratzenberger e sullo sfondo la signora Margit
(5/5/2014) – A Imola c’era anche una coppia speciale: i genitori di Roland Ratzenberger. L’evento commemorativo ha infatti compreso anche lo sfortunato pilota di Salisburgo, deceduto il giorno prima di Senna. Grande e sentita è stata la vicinanza e l’affetto dei tifosi, cosa che ha sinceramente colpito mamma Margit e papà Rudolf. “Grazie, non ce l’aspettavamo. E’ stato un riscontro mai avuto”, hanno detto.  Herr Rudolf è anche intervenuto durante l’incontro con Cesare Fiorio per un ulteriore ringraziamento, postumo. Ha voluto ricordare e sottolineare infatti l’intenzione di Ayrton Senna, quel lontano 1 maggio 1994,  di omaggiare la memoria del figlio sventolando a fine gara la bandiera austriaca. Purtroppo, il gesto, che sa molto di Senna, non si è compiuto e la bandiera fu ritrovata dagli infermieri dell’ospedale di Bologna ben ripiegata nella tuta. Si è discusso molto, a Imola, se il solo incidente mortale di Ratzenberger avrebbe provocato il vero è proprio capovolgimento della F1 avvenuto a seguito del decesso di Senna. Chissà, probabilmente non di quella portata. Una cosa è certamente emersa: la Simtek di Roland era monoposto veramente pericolosa. 

Il giornalista Antonini di Autosprint ha rivelato che i tecnici della scuderia inglese avevano chiesto lumi ad Adrian Newey su come irrobustire l’avantreno che evidentemente non faceva dormire sonni tranquilli. Il resto è più o meno noto: sabato 30 aprile, durante le qualifiche, Roland andò in testa coda alla Rivazza danneggiando l’ala anteriore. Decise – è stato evidenziato – di non fermarsi ai box per un controllo e continuò ma alla curva Villeneuve l’ala cedette rendendo incontrollabile l’auto che si sollevò finendo velocissima contro il muro con l’esito che sappiamo. Roland si era pagato la F1 per cinque gare e solo buoni risultati potevano garantirgli la continuazione del sogno che inseguiva dall’età di cinque anni. 

Un'altra immagine del papà di Roland

Nessun commento:

Posta un commento