Translate

venerdì 23 maggio 2014

ERICSSON CON IL CASCO DI PETERSON

(23/5/2014) – La prima volta a Montecarlo su una F1 Marcus Ericsson la passerà con la sua testa dentro un casco molto speciale: uguale a quello che indossava il suo connazionale Ronnie Peterson. Il pilota scandinavo della Catheram ha voluto così rendere omaggio al grande ex pilota di Lotus, March e Tyrrell a quarant’anni dalla sua vittoria proprio sul circuito cittadino monegasco. Per l’occasione Marcus sfoggia anche la sacca originale del casco Bell che era, ricordiamolo, di colore azzurro intenso con una banda gialla sulla parte superiore della visiera. Per Marcus un momento di visibilità che certo non sta ottenendo alla guida della macchina verde di Tony Fernandes. Le cose vanno male: in Spagna, dopo aver rilevato che le Gp2 erano più veloci, è stato addirittura appiedato il direttore tecnico Mark Smith. Dello sviluppo ora si occupano John Iley, Jody Egginton e Gerry Hughes, tutti agli ordini di Cyril Abiteboul. Nelle prove libere di ieri, la pioggia ha scombussolato i piani. Ericsson è riuscito a fare 40 giri. “Come Kamui – spiega – nel primo run avevo poco grip e scarsa trazione quindi abbiamo cambiato l’altezza da terra e gli angoli dell’ala anteriore facendo un buon passo avanti. Avevo ancora un po’ di sottosterzo ma l’equilibrio generale era migliorato ed è stato un buon inizio di week end di gara”. Sperare non costa nulla….

Nessun commento:

Posta un commento