Translate

mercoledì 23 aprile 2014

Sì, BIAGI E' IN PORSCHE SUPERCUP! E la Grid Gp cresce

(23/4/2014) – La stagione di Thomas Biagi comincia l’11 maggio a Barcellona! Il pilota bolognese, 3 volte campione FIA GT e campione italiano Superstars e GT, si è conquistato un volante nel team MOMO-Megatron (licenza americana) per disputare la Porsche Mobil 1 Supercup 2014, lo stellare monomarca della casa di Stoccarda, dopo i positivi test tenuti nelle scorse settimane a Barcellona e Hockenheim. Thomas farà quindi parte del grande paddock motoristico che accompagnerà le tappe europee della Formula 1 e la sua Porsche 911 GT3 Cup Type 991 avrà il numero 23, lo stesso che lo accompagnò nel 2003 nel FIA GT dove vinse all'esordio proprio a Barcellona per poi dominare la stagione fino alla conquista del titolo. Thomas, nonostante la grande esperienza, resta cauto: "La Porsche Mobil 1 Supercup è un campionato di altissimo livello, dove ho molto da imparare. La macchina mi è piaciuta fin dall'inizio, anche se devo ancora familiarizzare completamente con il motore posteriore a sbalzo: la 991 ha un grande appeal sia esteticamente che alla guida, e direi che è stato davvero amore a prima vista. Ci sarà però molto lavoro da fare per me e mi aspetto di affrontare qualche difficoltà soprattutto nelle prime gare; questa sarà la mia prima esperienza in un campionato monomarca, dove ritroverò la partenza da fermo, molto diversa da quella lanciata su cui mi ero concentrato negli ultimi anni.  I primi appuntamenti saranno probabilmente di apprendistato, utili per gettare le basi per un progressivo aumento della competitività che ci auguriamo possa portarci più avanti alla vittoria”. 
L'ing. Luigi Mazzola e Biagi: è la Grid Gp
Del progetto farà parte anche Mario Marasca, uno degli allievi più promettenti della scuola piloti "Grid Gp", messa in piedi alle porte di Bologna da Biagi e dall’ingegner Luigi Mazzola, ex Test Manager Ferrari (20 anni a Maranello, 8 titoli Costruttori e 6 piloti). A disposizione dei piloti, oltre la consulenza di due mega esperti di settore come loro, un simulatore hi-tech con 150 canali di telemetria per analizzare ogni singolo aspetto della guida.  “Sono contento che abbia seguito il mio consiglio accettando il salto dalle monoposto alle ruote coperte. Mi dividerò contemporaneamente tra il ruolo di pilota e quello di suo coach in due grandi sfide, entrambe da vincere", conclude Thomas.

Nessun commento:

Posta un commento