Translate

giovedì 3 aprile 2014

DINASTY BRABHAM VERSO IL RITORNO IN F.1

(3/4/2014) – Ieri Jack Brabham, Sir Jack Brabham, una delle autentiche leggende della F1, ha compiuto 88 anni. Tre volte campione del mondo (1959-1960 e 1966), vive nella sua Australia dove ha ricevuto gli auguri calorosi di parenti, amici ed estimatori. La ricorrenza rilancia le ambizioni e le strategie per il ritorno in Formula 1 del team che porta il suo nome. Il figlio David, in particolare – vincitore di una 24 Ore di Le Mans e di due campionati ALMS, gli altri sono Geoff e Gary - sembra ben determinato a creare le condizioni affinchè l’ipotesi si concretizzi. E’ un piano metodico, che coinvolge tutta la dinastia Brabham ora arricchita dai giovani e ambiziosi nipoti di Jack, Matthew (figlio di Geoff, ora in Indy Light, campione Pro Mazda e rookie of the year 2013) e Sam (figlio di David, domenica scorsa a podio nel  campionato Dunlop MSA F. Ford). 
Matthew Brabham, nipote di Sir Jack
Dopo aver intrapreso e vinto la battaglia durata sette anni con la tedesca Formtech per il possesso del marchio, ad inizio anno David ha lanciato il sito www.brabham.co.uk che racchiude la storia (ottimo l’archivio) e i germi del futuro Brabham. "Vincere la battaglia legale del marchio ci ha permesso di creare le premesse per quello che credo sia un futuro emozionante per il marchio Brabham. Il primo elemento è questa presenza on-line che è strategicamente fondamentale per la costruzione di una solida base per il futuro. Ma ciò potrebbe avvenire solo dopo che abbiamo stabilito una Brand Bible per mantenere la coerenza del marchio, i suoi valori fondamentali e chi siamo”. 
Sam Brabham, nipote di Sir Jack
Sir Jack approva e rilancia: “Il brand che David sta ricostruendo porterà il nome Brabham nel futuro e farà da scudo ai miei nipoti per il loro successo. Mi rende estremamente orgoglioso di quello che abbiamo realizzato finora come una famiglia”. Forse ci vorrà ancora del tempo ma, statene certi, una Brabham tornerà sulle griglie della Formula 1. E almeno un pilota porterà il nome Brabham. "Penso che abbiamo creato qualcosa di speciale – conclude David - e questa prima fase di lancio è solo l'inizio, il sito si evolverà in linea con il ritorno del marchio Brabham”. 

Nessun commento:

Posta un commento