Translate

giovedì 3 aprile 2014

ADDIO AD ANGELO ORLANDI, STORICO PRESIDENTE ACI MODENA

Angelo Orlandi qui mentre premia Montermini
(3/4/2014) – Ad un anno di distanza da Franco Gozzi, se ne è dunque andato all’età di 91 anni un altro rappresentante di sicuro riferimento per l’automobilismo modenese: Angelo Orlandi, storico presidente dell’Aci di Modena, indefessamente in carica per 59 anni consecutivi. Da sempre nel mondo dei motori – era unico figlio maschio discendente di una delle più note famiglie di carrozzieri per pullman Gran Turismo – era vicinissimo ad Enzo Ferrari che, come lui fino all’ultimo ironicamente ricordava, nel lontano 1956 sponsorizzò la sua candidatura al Consiglio Direttivo dell’ACI Modena con le parole: “E’ ora di rinnovare, dare spazio ai giovani e rilanciare l’Ente modenese un po’ stagnante”. Fu amico di Tazio Nuvolari, Achille Varzi Antonio Ascari che frequentavano la sua casa e avevano a che fare con l’ancora imberbe rampollo di casa Orlandi. Laureatosi nel 1947 in Ingegneria meccanica al politecnico di Milano, fu spedito a farsi le ossa a Detroit per poi prendere le redini dell’azienda di famiglia fino al 1989 quando cedette al socio di maggioranza tutto il pacchetto azionario. Appassionato, fu grande organizzatore di gare all’Aerautodromo di Modena, allora in auge, e questo gli consentì di dare lustro all’ACI Modena e di meritarsi una onorata carriera. Dopo essere stato Presidente di Sara Assicurazioni, dal 1974 al 1982, fu cooptato alla presidenza del Soccorso Stradale ACI 116, e a seguire di Aciglobal di cui divenne Presidente Onorario. L’attaccamento alla sua Modena lo portò a rifiutare la presidenza nazionale dell’Ente dopo l’era di Filippo Carpi de Resmini. In qualità di commissario dell’AC. Bologna, entrò nell’organizzazione del GP di S. Marino a Imola instaurando un proficuo rapporto con Bernie Ecclestone.

Nessun commento:

Posta un commento