Translate

mercoledì 19 marzo 2014

NICOLA LARINI 50 ANNI. Imola 1994 nella sua storia

(19/3/2014) – Un altro compleanno doc: Nicola Larini compie oggi 50 anni. Il toscano di Camaiore è un classico piede pesante, uno che quando gli è stato chiesto di raggiungere il risultato lo ha sempre fatto, macchina quanto meno decente permettendo. La sua è stata una bella carriera ed è ancora in corso! (Nel 2013 si è fatto vedere nel campionato Superstars sulla Porsche Panamera della Petri Corse insieme all’amico Giovanardi col quale nel 2012 ha disputato la 24 Ore del Nurburgring). La Ferrari innanzi tutto (ma vedremo il Gruppo Fiat, nel complesso). Conoscendo la parsimonia con la quale da Maranello concedono il volante agli italiani, Larini può ben dire di aver goduto della stima dei vertici ferraristi. E’ stato collaudatore e pilota di riserva della Rossa nel periodo. Quando a fine ’92 fu defenestrato in corsa Ivan Capelli è stato lui a disputare gli ultimi due gran premi. Quando nel 1994 Alesi si infortunò alla schiena al Mugello, è stato lui a prendere il suo posto. Visse il drammatico week end di Imola, quello della morte di Ratzenberger e di Senna (ad Aida aveva incolpevolmente centrato il brasiliano uscito fuori pista), e si classificò secondo, ultimo italiano ad essere salito sul podio con la tuta della Ferrari. 

Larini sulla Lambo by Modena Team

In F.1, oltre le esperienze con Osella, Ligier e Sauber, da ricordare lo speranzoso esordio con la Coloni (1989) e l’interessante ma infruttuoso tentativo con la Lambo by Forghieri del Modena Team (1991). Eccezionale il suo rendimento con l’Alfa Romeo: sia nel Superturismo, dove fece impazzire le folle (e gli avversari) in tandem di squadra con Nannini, sia nel DTM tedesco dove con la 155 V6 TI DTM nel 1993 diede una sonora lezione alle macchine teutoniche. 

Nessun commento:

Posta un commento