Translate

mercoledì 29 gennaio 2014

ALFA ROMEO 4C: LA GRANDE BELLEZZA. Quarto beauty prix per la supercar del Biscione


(29/1/2014) - L’Alfa Romeo 4C continua a fare incetta di riconoscimenti. Dopo il premio 'Auto dell'anno 2013" attribuito dalla rivista FHM in Gran Bretagna e il Trofeo "Coup de cœur 2013" dell'Automobile Magazine in Francia, oltre al titolo 'Auto Trophy 2013' conferito dai lettori della rivista tedesca Auto Zeitung, arriva il successo nel prestigioso Gran Premio dell'Auto più bella dell'anno 2013 assegnato nell'ambito del 29° Festival Internazionale dell'Automobile di Chamonix. Creato nel 1986 e presieduto da Remi Depoix, il Festival è divenuto nel corso degli anni un appuntamento irrinunciabile nel panorama automobilistico. Elogio della creatività e del design automobilistico, dal 1988 conferisce il premio dell'Auto Più Bella dell'Anno, particolarmente apprezzato dai costruttori. La supercar compatta del Biscione è stata eletta in seguito a un sondaggio a livello mondiale realizzato su Internet e in collaborazione con Le Point, Auto Addict, Automobiles Classiques, AD e JC Decaux, partner multimediali della manifestazione. La vittoria è stata netta poiché il 40,70% dei votanti si è pronunciato a favore dell'Alfa Romeo 4C distanziando di gran lunga le altre finaliste: BMW serie 4 (25,55%), Mercedes CLA (22,15%) e Mazda 3 (11,60%). Questo titolo prestigioso fa seguito a quelli già ottenuti precedentemente dall'Alfa 164 nel 1988, dalla coupé Alfa Brera nel 2005 e dall'Alfa MiTo nel 2008, e ha premiato un modello il cui design, firmato dal Centro Stile Alfa Romeo, si ispira in particolare alla 33 Stradale del 1967, vera e propria icona del Marchio. Il premio è stato consegnato a Louis-Carl Vignon, Head of Alfa Romeo per la regione EMEA (Europa, Medio-Oriente, Africa) in presenza di Marco Tencone, Head of Design Alfa Romeo, Alessandro Maccolini, Head of External Design Alfa Romeo, Maurizio Zuares, Direttore Generale di Fiat France, e Sébastien Perrais, Direttore del Marchio Alfa Romeo in Francia.

Nessun commento:

Posta un commento