Translate

martedì 10 dicembre 2013

MASERATI 100 ANNI, VIA ALLE DANZE

(10/12/2013)  – Verso i cento anni. Per la precisione l’1 dicembre del 1914, in Via de Pepoli a Bologna, aprivano le Officine Maserati. Al lavoro – riparazione automobili, elaborazione motori e macchine da corsa – c’erano tre di sette fratelli: Alfieri, Ettore ed Ernesto. La prima pagina di una storia che definire leggendaria non è prosopopea. Alla morte prematura di Alfieri si unirà Bindo. Poi c’era anche Carlo, scomparso troppo presto. Appassionati di meccanica. Di corse. Autentici e geniali artigiani dell’automobile. La Casa del Tridente – il marchio mutuato dalla statua del Nettuno a Bologna - si accinge dunque a celebrare come si conviene l’anniversario, lungo tutto il 2014. Per cominciare, nell’elegante cornice dello showroom della sede Maserati a Modena, è stato presentato il libro ufficiale: “Maserati – Un secolo di storia”, un prezioso volume di 350 pagine in formato 26x29,5 con centinaia di foto in bianco e nero e a colori, molte delle quali inedite. Erano presenti il CEO della Maserati Harald Wester, l’editore Giorgio Nada, il direttore editoriale della casa editrice Leonardo Acerbi e due dei quattro autori del volume: Lorenzo Ramaciotti e Luca Dal Monte.  Gli altri sono Cesare De Agostini e Gianni cancellieri. In prima fila c'era anche Maria Teresa De Filippis, prima donna pilota.


Un momento della presentazione presso lo showroom Maserati a Modena
La prima Maserati, la mitica Tipo 26, risale al 1926 e vinse subito la sua classe alla Targa Florio. Fantastica la doppietta, nel 1939 e 1940, alla 500 Miglia di Indianapolis, prima e ancora unica auto italiana ad affermarsi sul catino dell’Indiana. Nel 1947 comincia la produzione di auto stradali e nel 1957 arriva il primo mondiale di F.1 con Fangio alla guida di un’altra icona dell’automobilismo: la 250F. La saga della prestigiosa Quattroporte ha inizio nel 1963. Non sono mancati anni difficili, poi l’imperiosa rinascita, anche in pista dal 2004 nel FIA GT. Il racconto è lungo e sarà accurato ed entusiasmante: c’ è tempo e voglia di viverlo.


Alfieri Maserati, figlio di Ernesto, e a destra il CEO del Tridente Harald Wester

Nessun commento:

Posta un commento