Translate

martedì 10 dicembre 2013

APPELLO A STICCHI DAMIANI

(10/12/2013)Angelo Sticchi Damiani, già Presidente dell’ACI e vice presidente FIA, è stato eletto nel Senato della FIA e nel Consiglio Mondiale dello Sport. Ottimo. L’intero mondo dell’automobile tricolore ne esce rafforzato. Detto questo, sorge spontaneo un appello, non tanto per il livello raggiunto dall’avvocato salentino ma soprattutto perché la situazione è critica e lo richiede senza indugi. Il 2014 sarebbe il terzo anno consecutivo senza italiani in F.1. Cosa si può fare per invertire questo trend? La domanda non è peregrina. Ammesso e concesso che ormai le nuove leve possono sbarcare nella massima formula sbattendo sul tavolo una valigia piena di dollari (e i nostri non sono della partita), si impone il piano B del quale molti usufruiscono. Di cosa si tratta? Ma di un aiuto! Della considerazione indotta degli addetti ai lavori. Dei buoni uffici di chi ha voce in capitolo. Esempi? Cominciamo subito dalla Ferrari che per esempio crede moltissimo in Bianchi (ma allora perché non lo ingaggia direttamente, vien da chiedersi) e in qualità di pilota Ferrari Drivers Academy ha goduto di un pieno appoggio per approdare alla Marussia, tra l’altro dall’anno prossimo con motore di Maranello. Martin Whitmarsh, team principal Mc Laren, ha sì rinunciato a Perez ma gli sta assicurando la massima collaborazione possibile affinché il messicano resti in F.1. La Red Bull, dopo la giubilazione fin troppo traumatica di Buemi dalla Toro Rosso, non ha abbandonato lo svizzero al suo destino confermandolo per il secondo anno consecutivo nel ruolo di terzo pilota. La Force India è forse la scuderia più “umana” del Circus: ha ripreso l’anno scorso Sutil dopo un anno sabbatico (e guai giudiziari) e per il 2014 accoglie l’altro figliuol prodigo Hulkenberg (manca solo Liuzzi a questo punto!). Per non parlare di sponsors disponibili solo sostenendo un pilota della stessa nazione: la Total francese per Grosjean, la PDVSA venezuelana per Maldonado, il messicano Carlos Slim per Perez e Gutierrez, i russi per Kvjat e Sirotkin.. Allora, cosa si fa per Valsecchi, Rigon, Liuzzi, Marciello e Ghirelli che meritano tutti un volante? Presidente Sticchi Damiani, si tratta di crederci davvero. 

Nessun commento:

Posta un commento