Translate

sabato 5 ottobre 2013

INCOGNITE COREANE (TROPPE)


(5/10/2013) - Massa e Alonso hanno concluso le qualifiche per il GP di Corea coprendo un solo ‘run’ nella sessione Q3, utilizzando l’ultimo set di pneumatici SuperSoft a disposizione. Fernando ha conquistato la sesta posizione finale, girando in 1’38”038, precedendo Felipe autore del crono di 1’38”223. La pole position è stata conquistata dalla Red Bull di Sebastian Vettel, con il tempo di 1’37”202. Insomma, niente di nuovo sotto il sole - si fa per dire, la corsa è a rischio tifone – coreano. Alonso spera nella pioggia: “Sia ieri che oggi abbiamo sofferto nel long run, e questo vuol dire che per domani dobbiamo assolutamente migliorare. Abbiamo qualche problema con le gomme, che non riusciamo a gestire come altri: c’è molto graining e se si spinge nel primo settore si rischia quasi di non finire il giro. Dovremo trovare un giusto compromesso per farle sopravvivere il numero di giri che stabiliranno i nostri tecnici, perché la strategia ideale rimane quella delle due soste”. Anche Felipe Massa spera nelle strategie: “Il nostro degrado con le Supersoft è piuttosto elevato, mentre altre vetture ne soffrono meno, e in base a come andrà il primo stint decideremo se passare alle Medium, ad oggi la scelta migliore”. Infine il capo dell’Ingegneria del Cavallino, Pat Fry: “Nel primo settore siamo stati sempre competitivi, mentre dopo la metà del secondo e fino alla fine del terzo abbiamo sofferto, soprattutto con le Supersoft. Non è stato facile trovare un bilanciamento che ci consentisse di spingere al massimo senza accentuare l’usura delle gomme, inevitabile quando non si dispone di un alto carico aerodinamico. Domani dovremo cercare di gestire al meglio il degrado degli pneumatici sulla lunga distanza, soprattutto nel primo stint. L’affidabilità e la variabilità delle condizioni meteorologiche saranno due fattori chiave”.

Nessun commento:

Posta un commento