Translate

giovedì 31 ottobre 2013

GRAN PREMIO DELLE DICHIARAZIONI

(31/10/2013) – In mancanza di forti motivazioni, nel paddock del circuito di Yas Marina è guerra di dichiarazioni (che lasciano il tempo che trovano). Alla consueta conferenza stampa del giovedì Vettel e Alonso si sono ritrovati vicini ma non c’è stata schermaglia. Ieri Mateschitz, il patron della Red Bull, lo aveva bollato come un novello Mohamed Alì per le frecciatine che rivolge al suo pupillo: “Le dichiarazioni di Alonso ai media sono sempre molto ben meditate. E' il peggiore di tutti nella guerra psicologica”.  Il tedesco fresco di poker mondiale ha semplicemente raccontato di essere tornato un paio di giorni a casa per riprendersi dalla sbornia indiana mentre Alonso ha la testa altrove. “Dobbiamo essere realisti e accettare che non abbiamo avuto una possibilità sufficientemente buona di poter lottare per il titolo. - ha detto - A inizio stagione la sfida era un po’ più ravvicinata, dopo non lo è stata più. Ovviamente, non era nostro obiettivo finire in seconda posizione in entrambi i campionati, ma riuscirci sarebbe comunque qualcosa di positivo per la squadra. Quindi rimarremmo concentrati e faremo del nostro meglio nelle prossime tre gare, anche se con la testa siamo un po’ già al 2014. Siamo persone competitive in Ferrari, quindi non vediamo l’ora di ricominciare”. Non è mancata però una domanda sul suo prossimo compagno di squadra Kimi Raikkonen. “Non posso parlare di lui a livello personale - ha risposto Fernando - ma come pilota è un grande campione, un grande talento. E’ molto veloce e ama ciò che fa”. Poco tempo fa aveva detto di non essere preoccupato dal suo arrivo perché, dopo tutto, Massa si era spesso dimostrato più veloce del finlandese quando facevano coppia al Cavallino. A proposito, ecco cosa dice il brasiliano sul suo futuro: Sono sempre stato un pilota professionista, pagato per correre, e non ho mai portato soldi per avere il mio volante. Una situazione che non cambierà di certo adesso. Il fatto che nella prossima stagione ci sarà un grosso cambiamento a livello regolamentare fa sì che tutto possa accadere e mi da maggiore motivazione nell’andare in una squadra che al momento non è vincente. Non è impossibile che il prossimo anno possa essere competitiva”. Williams, arriva. Il collaudatore della Rossa, Pedro De Rosa, meno male, passa infine qualche notizia sulla gara: “Strategie? Non credo saranno così determinanti. Stranamente le gomme Medium lavorano meglio con le basse temperature, mentre le Soft si adattano meglio alle alte, quindi mi aspetto che nella fase ‘notturna’ del Gran Premio la mescola più dura potrebbe funzionare meglio.”

Nessun commento:

Posta un commento