Translate

giovedì 19 settembre 2013

NEWEY-CHOC, IL GENIO DELLA RED BULL PENSA AD UN SUO TEAM


(19/9/2013)Adrian Newey, il geniale progettista dell’imbattibile Red Bull, l’uomo più ricercato dalla Ferrari, sta pensando al futuro. No, non si trasferirà a Maranello. In testa ha ben altro: costituire un suo team con una monoposto che porti il suo nome. L’indiscrezione è stata riportata ieri sulla pagina sportiva del quotidiano Avvenire, in un suggestivo articolo del bravo Paolo Ciccarone dal titolo “Il mago della Formula 1 vuole mettersi in proprio”. Ebbene, parrebbe che in casa Red Bull non ci sia quell’ambiente idilliaco che le vittorie a ripetizione irradiano all’esterno ma, anzi, la convivenza con il braccio operativo del gran capo Mateschitz, l’algido Helmut Marko, non sia tutta rose e fiori. A far compagnia a Newey nella nuova avventura, andrebbe il team principal Chris Horner, rimasto scottato, secondo l’articolo, dall’ingaggio di Ricciardo rispetto al suo preferito Raikkonen, e già proprietario, insieme a Mark Webber, del Team Arden in Gp2. Altri delusi sarebbero gli sponsor Infiniti e l’italiana Geox. L’inglese a capo del muretto starebbe quindi lavorando anche all’indispensabile reperimento dei capitali necessari per finanziare l’impresa. Per quanto riguarda il motore, Ciccarone scrive di un possibile interessamento della Renault anche alla partecipazione diretta nel team (anche se poi conclude con l’interrogativo di una motorizzazione Ferrari). Fanta-Formula 1? Chi lo sa, ma lo scenario non è del tutto inverosimile. Se, come appare probabile – ahi-Ferrari! – la Red Bull vincesse quest’anno il quarto titolo mondiale di fila e se nel 2014 dovesse replicare, dopodichè Vettel coronerebbe la carriera passando alla Ferrari, a Milton Keynes si chiuderebbe certamente un ciclo. Allora, liberi tutti, Newey ed Horner compresi.

Nessun commento:

Posta un commento