Translate

martedì 17 settembre 2013

C’E’ GIA’ PROFUMO DI FERRARI A SINGAPORE

(17/9/2013) - Ferraristi in viaggio verso Singapore, sede del 13° appuntamento del Campionato del Mondo, ma almeno in effigie Alonso è già ben presente nella Città-Stato asiatica. Il suo volto campeggia infatti nella speciale installazione in mostra fino al prossimo 29 settembre in una delle vetrine del locale Ferrari Store, situato all’interno del mall Marina Bay Sands. Fernando è il testimonial della fragranza Scuderia Ferrari Club, creata da Perfume Holding, Licenziatario Ufficiale della Ferrari, per celebrare la squadra più vincente nella storia della F1. Fernando è impaziente di iniziare il fine settimana più atipico della stagione, nel quale la colazione viene consumata all'una del pomeriggio e la cena è servita dopo la mezzanotte. “La corsa è impegnativa, non c’è margine di errore, ma è una pista che mi piace sulla quale ho ottenuto buoni risultati, quattro podi nelle cinque gare finora disputate. Come in tutti i circuiti cittadini, anche a Marina Bay c’è sempre il rischio di commettere un piccolissimo errore che può trasformarsi in un problema importante. L’ultimo settore è il tratto più insidioso, in particolare le curve ‘18’ e ‘19’, che passano sotto una tribuna, sono quelle in cui si rischia di più, dove è facile commettere un errore. Basta una piccola perdita di concentrazione e si corre il rischio di terminare la corsa contro le barriere”. Massa concorda: “Bisogna fare attenzione ad ogni curva, che non sono poche: un giro di questo tracciato equivale a due tornate di quello monegasco. La precisione di guida è fondamentale, soprattutto in qualifica quando c’è la necessità di percorrere il giro perfetto mettendo insieme i migliori intermedi. Credo che sia più difficile vincere a Singapore rispetto a Montecarlo. La pista è più lunga e complicata, un giro è di circa 1 minuto e 48 secondi, mentre a Monaco è molto più breve”.

Nessun commento:

Posta un commento