Translate

mercoledì 28 agosto 2013

SUZUKI OFFICIAL SPONSOR DEL TORINO FOOTBALL CLUB

  

(28/8/2013) - Il Torino Football Club diventa la terza squadra di Serie A, dopo Fiorentina (Mazda) e Udinese (Dacia) ad recare sulle magliette il marchio di una Casa automobilistica. Il Presidente di Suzuki Italia, Junya Kumataki, e il Presidente della storica società granata, Urbano Cairo, hanno infatti sottoscritto un accordo che prevede,  da parte della divisione Automobili della multinazionale giapponese la qualifica di Official Sponsor per il  campionato appena iniziato. Il marchio della Casa di Hamamatsu – ricordiamo che la Filiale italiana ha sede legale a Torino e quella dello stabilimento e amministrativa in provincia, a Robassomero - sarà presente sulle divise ufficiali della Prima Squadra in tutte le competizioni –dalle partite di Campionato e della TIM Cup alle amichevoli -alle quali parteciperà il team nel corso della stagione sportiva 2013/2014, lasciando spazio alla possibilità di un rinnovo. In qualità di Official Sponsor, l’accordo contempla, inoltre, la presenza del brand Suzuki all’interno dello Stadio Olimpico, e il diritto di utilizzo dell’immagine del Torino FC per le proprie campagne promozionali. “Siamo molto felici - ha dichiarato Junya Kumataki - di legarci a un partner prestigioso come il Torino FC, poiché oltre a sostenere il mondo dello sport a noi così vicino, questa partnership ci consentirà di raggiungere un ampio target di potenziali Clienti ai quali presentare la nostra attuale gamma, coinvolgendoli anche nello sviluppo dei nuovi modelli, almeno uno all’anno per i prossimi 5 anni”. Molto soddisfatto anche il Presidente del Torino Football Club, Urbano Cairo: “Questa partnership è per noi motivo di grande orgoglio. Suzuki è una Corporation di fama mondiale, un’azienda dalle grandissime capacità manageriali che punta da sempre sulla forza delle idee e sull’efficienza: il fatto che abbia deciso di affiancarsi al Torino testimonia la crescita di appeal del nostro marchio anche a livello internazionale”.

Nessun commento:

Posta un commento