Translate

martedì 27 agosto 2013

MORTO LUIGI LUCCHINI, IL FIGLIO BEPPE FECE SOGNARE IN F.1

(28/8/2013) – Ieri è morto Luigi Lucchini, ex Presidente di Confindustria e fondatore di uno dei maggiori gruppi siderurgici italiani. Era papà di Giuseppe Lucchini, grande appassionato di automobilismo, che dopo i successi nella categoria Sport (mondiale e tricolore) e nel campionato italiano rally nell’estate del 1987 decise il gran salto in Formula 1. Nella foto si vedono gli artefici della BMS Scuderia Italia, da sinistra: Gian Paolo Dallara (vicino a Sergio Pininfarina), al quale anche in virtù di antichi rapporti di amicizia fu affidato il progetto della monoposto, e poi Luigi e Beppe Lucchini. Nel 1988 sulla F188 corse il solo Alex Caffi (bresciano anche lui) e nel 1989 arrivò anche Andrea De Cesaris (terzo al GP del Canada). Nel 1990 da segnalare il terzo tempo in qualifica sempre con De Cesaris a Phoenix e nel 1991 il passaggio dal motore Ford al 10 cilindri Judd che spinse le monoposto affidate a J.J. Lehto e a Emanuele Pirro (podio a Imola, terzo posto!). Ci voleva ancora più potenza e nel 1992 fu raggiunto l’accordo per la fornitura del motore Ferrari; inoltre Pierluigi Martini avvicendò Pirro. La fortuna non fu pari all’entusiasmo e nemmeno il passaggio al telaio Lola migliorò le prospettive. La crescita esponenziale dei costi impose lo stop al sogno nella massima formula.

De Cesaris sulla BMS Dallara nel 1989

Nessun commento:

Posta un commento