Translate

mercoledì 17 luglio 2013

NO DI ALONSO AI TEST DI SILVERSTONE: HA FATTO BENE O MALE?


(17/7/2013) – Dunque Fernando Alonso non è partito per Silverstone e la Ferrari ha affidato la tre giorni di prove a Davide Rigon, in pista sempre, e a Felipe Massa, allertato per venerdì mattina. Lo spagnolo l’aveva detto: se potrò lavorare sula macchina è utile, altrimenti… E altrimenti è stato: con l’approvazione FIA, i piloti titolari dovranno infatti dedicarsi solo a quanto definito dalla Pirelli, con un numero limitato di set di gomme da utilizzare. Lui, ai molti che gli hanno chiesto lumi sulla sua assenza, ha provveduto a spiegare via twitter: “Perchè non vado ai test? Perche non è possibile provare...! Ho un lavoro importante al simulatore per preparare l'Ungheria. Settimane di duro lavoro e di revisione dei dati di Budapest 2012 per migliorarli”. Fin qui l’Alonso ufficiale. Ha fatto bene? Ha fatto male? Ora è difficile dirlo, ma è un po’ fastidioso andare avanti a tentativi: ora di concentrarsi al simulatore come in Germania di partire con le medium. Sono comunque momenti delicati a Maranello. Dopo il quarto posto del Nurburgring, il Presidente ha chiesto meno parole e più fatti ma Fernando pare piuttosto rabbuiato. Negli ultimi tempi ha sferzato la squadra come non mai (“La macchina non va, non riusciamo a bilanciarla come si deve. Dobbiamo studiare qualcosa per migliorare in gara” – GP Inghilterra) e recentemente ha sinceramente ammesso che sì, gli piacerebbe lavorare con Adrian Newey. Capita l’antifona, a Maranello pare gli stiano per mettere a disposizione Allison dalla Lotus. Basterà a risollevare le sorti e il morale? David Coulthard, ora commentatore BBC, ha fatto ulteriormente suonare l’allarme affermando che, secondo lui (o ha raccolto confidenze???) Alonso potrebbe mollare la Ferrari se i risultati continueranno a non arrivare e la frustrazione ad aumentare. Lo aveva detto anche il giornalista della Gazzetta dello Sport Pino Allievi (vedi nel blog il post http://www.blogger.com/blogger.g?blogID=3719034298261817746#editor/target=post;postID=262266720824135047;onPublishedMenu=overviewstats;onClosedMenu=overviewstats;postNum=27;src=postname) e lo scorso anno Arturo Merzario a questo blog aveva parlato di un “Alonso appagato”. Fernando compirà 32 anni il prossimo 29 luglio, è in Ferrari dal 2010 – contratto fino al 2016 - e l’ultimo mondiale lo ha vinto nel 2006. Il tempo passa e Vettel gli sta soffiando tutti i record: resisterà?

Nessun commento:

Posta un commento