Translate

mercoledì 19 giugno 2013

FORMULA AVVOCATI. Mercedes e Pirelli domani mattina davanti ai giudici Fia

(19/6/2013) - Domani mattina alle 9.30 in punto, presso la Salle du Comité della Fia a Place de la Concorde a Parigi, Mercedes e Pirelli saranno “alla sbarra” davanti ad una giuria del Tribunale internazionale. Nei loro confronti un procedimento disciplinare a seguito del test-pneumatici del 15, 16 e 17 maggio a Barcellona durante il quale la Scuderia tedesca ha utilizzato la monoposto iscritta al corrente campionato. Cosa espressamente vietata dai regolamenti. Mercedes (ci sarà Ross Brawn) e Pirelli hanno nei giorni scorsi preparato ponderose argomentazioni a difesa del loro operato e l’esito della querelle – sostenuta fin da Monaco da Ferrari e Red Bull, con sfumature via via differenti – resta davvero incognita. 


Penalizzazione punti alla Mercedes? Forte sanzione pecuniaria? A rischio la vittoria di Rosberg a Montecarlo? Ammonizione (umiliante) alla Pirelli? Si vedrà: la Fia fa sapere che la decisione verrà pubblicata “al più presto possibile dopo l’udienza”. Certo è che, ancora una volta, certi risultati della pista e certi comportamenti di alcuni partecipanti al Mondiale devono passare al vaglio dei Giudici e non solo a quello della pista. A Parigi, chi lo scorda, chiese giustizia Ayrton Senna nel 1989 dopo i fattacci con Prost a Suzuka. A Parigi finì l’odiosa Spy-story che vide coinvolta la Mc Laren ai danni della Ferrari. A Parigi venne giudicato (e allontanato dal bel mondo della F.1, poi riabilitato) Flavio Briatore per la famosa uscita di strada di Nelson Piquet jr a Singapore per favorire la vittoria di Alonso su Renault. Insomma, ci risiamo, e le conseguenze potrebbero essere gravi se si pensa che la Pirelli è in scadenza di contratto  triennale per la fornitura esclusiva degli pneumatici e la Mercedes ha sempre a che fare con pressioni interne che la vorrebbero fuori dal Circus. 

Nessun commento:

Posta un commento