Translate

mercoledì 22 maggio 2013

MARCO ANDRETTI, CHE NE PENSI DI VINCERE A INDIANAPOLIS? Domenica parte in prima fila alla 500 Miglia



(22/5/2013) - Marco Andretti, su Dallara RC Cola Chevrolet, domenica partirà all’esterno della prima fila alla 500 Miglia di Indianapolis. Terzo tempo di qualifica per lui, dietro Ed Carpenter e il compagno di squadra alla Andretti Autosport, il sorprendente rookie Carlos Munoz (nel 2013 Indianapolis sarà l’unica gara per lui!). Per il 26enne figlio di Michael e nipote del grande Mario, campione del mondo di F.1 nel 1978 e vincitore nel leggendario speedway dell’Indiana nel 1969, è l’occasione buona per conseguire un grande risultato. Le sensazioni sono positive: “Sono decisamente soddisfatto: è un onore incredibile essere in prima fila ad Indianapolis e sono orgoglioso per il Team che ha cinque suoi piloti nei primi nove”. 
Al suo ottavo anno in IndyCar, questo è il miglior inizio di stagione ed è attualmente secondo in classifica a sole cinque lunghezze dalla testa. Marco sa che il suo curriculum, dal 2006 ad oggi, annovera solo una vittoria e due pole positions. Troppo poco per un Andretti. Probabilmente tramontato il “sogno” di Mario di vederlo in F.1 – ricordate il test senza esito con la Honda nel 2006? – per il rampollo di cotanta famiglia è ora di puntare al bersaglio grosso e di centrarlo. Certo, i giri sono 200 e i piloti in lizza sono 33 con due mastini come Franchitti e Castroneves che ambiscono alla quarta vittoria per raggiungere in questo olimpo numerico mostri sacri come Ricky Mears, A.J. Foyt e Al Unser. Ma per lui è ora di dimostrare di che pasta è veramente fatto.  

Nessun commento:

Posta un commento